< PRECEDENTE <
RECENSIONE
23/10/2000 di Enrico Rigolin

Si apra lo shaker e vi si introduca un pizzico di Mango, uno spicchio di Ferretti ed abbondante brodaglia Bluvertigo: si agiti energicamente, si versi e si degusti non dimenticando di aggiungere giusto una piccolissima spruzzatina (per dargli e unire sapore) di Simple Minds, eccovi serviti gli Oisin.

Il quartetto pugliese attivo ormai da quasi un decennio, con in curricula un numero impressionante di demotapes, offre in realtà, aldilà dello scherzo/cocktail iniziale, una sua interessante formula, come testimoniano i 4 brani contenuti in “Adrenalina”.

L’avvio, con “Concentrico”, per la verità conferma le coordinate inizialmente fornitevi, con un cantato ferrettiano, ed un riff chitarristico che preferisco di gran lunga allo “stoppato” della seguente “Adrenalina”: qui ci si muove fra chitarre pulite, effettate a puntino e – soprattutto – una convincente melodia che davvero avrebbe le potenzialità per avere una qualche presa radiofonica (la qual cosa, sia detto, non è assolutamente sinonimo di ruffianeria). Attendo che arrivi “Cliché” per dirvi di un sound curato e per certi versi vicino ad un certo pop inglese… …insomma, a me vengono in mente dei Simple Minds a cena con Giolindo !

Ora, dipende dai vostri gusti: lo stesso inserimento della drum-machine e dei samples, potrete leggerlo come un atroce innesto modaiolo, oppure come un naturale sviluppo del percorso OISIN, così come dipende da voi credere nella svisata rock di “Belle ville” e relativo elettro–pop, lasciandovi così… …da una band che - questo sì - ha davvero i suoi numeri da mostrare.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >