Dario Antonetti L'estetica del cane 2007 - Cantautoriale, Psichedelia, Alternativo

L'estetica del cane precedente precedente

Torna il figlio dei Pink Floyd con un manipolo di canzoni intime ma combattenti. Grazie alla sua lunga militanza nella scena indipendente (Kryptasthesie ed Effetto Doppler), Dario conosce l'ambiente e ne decanta i pregi e gli atavici difetti con la dovuta consapevolezza. Il suo è cantautorato psichedelico per eccellenza, ed il buon Syd Barrett rimane il faro che illumina la sua musica, la nostra vita e quella di migliaia d'altre persone anche in questo millennio.

La sarcastica "L'artista Indipendente" è dedicata a tutti, con il fantasma di Bob Dylan a dominare il sound. In "Neanche un elefante" troviamo un delizioso organo al servizio di un italian beat puro anni '60. Dario fa l'eco a Brian Jones con i suoi Stones in "Approssimato per eccesso". E poi la mia preferita, un altro anthem perfetto "Ho smesso la distro" (A causa di sopraggiunti limiti di capienza della mia stanza, per evitare un disastro, ho smesso la distro. E un peccato per entrambi, ma da oggi non faccio più scambi, riduco al minimo i rischi, vendo solo i miei dischi. ) che dovrebbero cantare tutti a perdifiato. Anche Lucio Battisti si sarebbe trovato a suo agio nell'ascolto di questa poetica raccolta. Il menestrello lecchese tira fuori un disco senza tempo e quindi buono per tutte le stagioni. Bravo Dario, continua cosi!

---
La recensione L'estetica del cane di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2009-02-17 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia