Dari Sottovuoto Generazionale 2008 - Punk, Pop

Sottovuoto Generazionale precedente precedente

Da ragazzina, alla fine degli anni Novanta, adoravo una band italiana che col senno di poi avrebbe meritato di più. Facevano un punkettino adolescente ipermelodico, meno raffinato di quello dei Prozac + ma decisamente più ruspante. Si chiamavano Naftalina, uscirono per Baby records, il loro disco si intitolava "T.V.T.T.B." (non sto scherzando) e vendettero l'incredibile numero di trentamila copie, che per una vaccata del genere erano troppe anche prima del download selvaggio. Avevo tredici anni, la mamma mi diede ventottomilalire (e poi ci lamentiamo dei prezzi di oggi) ed ecco comprato il disco da registrare su una cassettina e poterlo poi sentire sul walkman a cassette mentre ero all'allenamento con l'istruttore di tennis. Poco dopo dei Naftalina non se ne parlò più: in tre anni il loro pubblico - compresa la sottoscritta - passò dai tredici ai diciassette e cambiò interessi e passioni. I "Nafta" si sciolsero. Avevano vent'anni scarsi, si divertirono per un po' e poi trovarono, si spera, altro da fare (anzi, lo so per certo: il batterista ora suona negli Hormonauts, chissà quanto va orgoglioso di quell' antica esperienza estremista).

Rimane il fatto che erano veramente carini. Ricordo con affetto un concerto dove c'erano almeno quaranta persone! Cosa c'entra tutto questo con i dARI? C'entra eccome. I dARI sono gli unici fieri eredi di quella storia. Ogni generazione reclama a gran voce la sua banda di riferimento e se stai frequentando la terza media, stai sognando il liceo per poter provare la tua prima "okkupazione", hai lo spleen ormonale alle stelle e non sai scrivere un'intera frase in italiano senza sbagliare doppie, pronomi e apostrofi hai trovato il gruppo che fa per te! I paninari avevano i Duran Duran, le squinzie dei Novanta i Take That e compagnia ballante, gli sgrammaticati preadolescenti di oggi i Tokio Hotel oppure, se sono vagamente federalisti, adesso possono avere anche i dARI. Ai posteri determinare a chi è andata meglio. Pettinature lussureggianti permutate altrove, chiome variopinte, piercing emovaldostano, vocabolario molto al di sotto del minimo garantito (sarà colpa del bilinguismo a statuto speciale della Vallèe di provenienza?), ortografia maldestra e produzione scintillante fecondamente assistita da un Eiffel 65 in vacanza spingono un singolo spudorato che contiene la rima del decennio: "il cellulare ce l'ho già spento perché per me sei troppo sbattimento". "Wale (tanto Wale)" porta con sé un video stroboscopico che soddisfa il desiderio di trasgressione di pischelli che pensano che trasgredire sia usare le "k" al posto delle "c" nei compiti a casa e leccarsi l'anello sul labbro davanti a una telecamera. Eppure non posso negarlo: c'è un fascino bastardo anche nella spazzatura, nei fenomeni nati con la data di scadenza ravvicinata, nell'orrore di un vuoto che non si ha vergogna a mettere perfino nel titolo del disco. I dARI fanno sembrare i Finley dei pericolosi sovversivi e Mondo Marcio un filosofo marxista, ma non se ne crucciano.

Sono idoli per ragazzine e se ne compiacciono. Il loro cantante ha ventotto anni (ventotto!), parla come ne avesse nove e se ne vanta. Perchè i dARI sono nati pronti. Nel prossimo tormentone dal titolo "Tutto Regolare" ("ciao raga, tutto rego?" l'aveva già usata qualcun altro) dicono: "E la scuola tutto regolare, il lavoro tutto regolare, lo space tutto regolare, l'i-pod tutto regolare e la mail non la controllo più". E poi parte un "rito" - che sta per "ritornello" in slang dARIco - che fa: "Chiedo scusa…". Ecco chiedete scusa, appunto. Anche se ci avete risparmiato un passato di cover del Liga alla festa dell'Unità di Quincinetto e anche se eravate iscritti al Sindacato Ospedalieri della CGIL (non ne ho idea in realtà, ma è bello pensarlo, visto che dARI/Dario, la voce del gruppo, ha appena mollato il suo lavoro da infermiere per darsi all'arte). Io in ogni caso chiedo scusa a voi, perché nella consapevolezza che 'sta minestra è fuori da ogni grazia immaginabile non riesco a farne senza. Se diventerò mamma a breve alle mie creature toccheranno, per mere conseguenze anagrafiche, quelli che saranno a loro volta gli eredi dei dARI. Non ci faremo mancare niente insomma. Il tour incombe e mi troverete ogni tanto nei camerini dei loro concerti. Sì, bravi, state lì adesso a sogghignare sulla mie debolezze ingiustificate per questa monnezza, stronzi nerdissimi che non siete altro. Ne riparliamo tra dieci anni, quando sui dARI ci farete i post sui vostri facebook del cazzo ormai obsoleti riportando 'sta robaccia a dignità di culto mentre ora ci sputate sopra dall'alto della vostra intransigenza elitaria, borghese, antipopolare e antiproletaria. Poi non vi lamentate se alle elezioni vince sempre quello là.

---
La recensione Sottovuoto Generazionale di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2008-11-03 00:00:00

COMMENTI (102)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • mx 10 anni Rispondi

    Migliore recensione nella storia di rockit

  • dreamplume 12 anni Rispondi

    Ma come si fa a chiamare "recensione di un disco" un testo basato su ricordi d'infanzia, pregiudizi, disinformazione...

    Hai nominato due canzoni su dodici senza nemmeno fermarti a capire qual è il loro senso, significato e obiettivo. Basi la descrizione del gruppo su come portano i capelli? Già il fatto che Daniel abbia un look da metallaro ti dovrebbe far pensare che non è sul look e basta che i dARI puntano.

    Il titolo del disco rappresenta il vuoto? Ma l'hai mai letta un'intervista? Sottovuto generazionale sta proprio a indicare che la generazione nuova non è vuota, ma è ricca di cose da dire...sai, la pratica del sottovuoto serve a conservare qualcosa che si ritiene impotante....facendo 2+2 si capisce il senso del titolo.

    I dARI non sanno parlare....mmm...e questo lo deduci da una K e qualche W?? Vai a vaderti, per esempio, l'intervista alle "Invasioni Barbariche" e senti come parla Fabio! O se preferisci vai a leggere quello che ha scritto sul blog "Una settimana nella vita di..." e poi ne riparliamo.
    Non a caso oltre che un educatore è stato anche per un periodo insegnante di Storia dell'Arte.

    Un'ultima piccola chiarificazione...Dario non ha 28 anni, ne ha 26 come Fabio. Andrea ne ha 21 e Daniel 20.

    P.S. Anche io ho 20 anni e sono felicissima di aver incontrato sulla mia strada i dARI. Di ragazze e ragazzi della mia età e più grandi ai loro concerti ce ne sono parecchi. E anche gli adulti non mancano... fanno musica in stile anni '80...chi era 20enne negli anni '80 li apprezza molto.


  • utente0 13 anni Rispondi

    Cento commenti. Senza commento.

  • saverioluzzi 13 anni Rispondi

    Una delle recensioni più belle, ironiche ed auto-ironiche che io abbia mai letto...

    Complimenti!:)

  • utente0 13 anni Rispondi

    wow

    qui sopra potrete notare gli effetti della demenza senile:[

  • faustiko 13 anni Rispondi

    ...anche beatles, rolling stones, led zeppelin e via discorrendo...

    :=

  • imwhatim 13 anni Rispondi

    ok, si meritano questo e ben altro. E la prima volta che li ho visti e sentiti pensavo fosse uno scherzo. E invece non si scherzava, e quella merda è così efficace che mi è capitato anche di canticchiarla innocentemente davanti allo specchio del bagno mentre mi truccavo per poi dire a me stessa"ma che cazz..???"!Va beh...ogni generazione ha i suoi duran duran,take that ecc ecc...Vuol dire che domani alla mia sorellina 12enne capiterà di cantare ogni morte di papa Monsoon come a me capita di canticchiare Wannabe e dire Girl Power in momenti di regresso

  • utente0 13 anni Rispondi

    teste e casso.cè gente che muore di fame!

  • rockpopcorncorporation 13 anni Rispondi

    Ahahhahhaahha...i Dari..hahahahhahhahahh!:]

  • utente0 13 anni Rispondi

    Sono un prodotto.
    Punto.
    Stiamo solo sprecando parole.