20/11/2008

Uomini e donne, vecchi e bambini, questa sera c'è uno spettacolo che non potete perdere. Un menestrello moderno, dalle fattezze di un mago, mette in scena un musical epico che parla di ognuno di voi. Basta guardarlo: Luca Bassanese si conferma artista fuori dagli schemi, senza timore di essere etichettato come un personaggio fuori tempo e senza spazio. Accompagnandosi al poeta Vittorino Curci, voce recitante che negli intramezzi instrada l'ascolto sulla scia di massime filosofiche, propone un nuovo esperimento di teatro canzone alla Giorgio Gaber. Scene rurali dai colori vivaci e riflessioni sulla trittica vita-morte-amore prendono forma innestandosi su strutture musicali tra le più conosciute e amate. Grazie ad un ottimo protagonismo vocale tra attacchi solistici e corali e alla presenza di un'orchestra elastica crea con "Canto" un valzer che veicola il manifesto autobiografico sotteso a tutto il lavoro. Autore versatile, Bassanese passa dal ritmo balcanico inneggiando "Santo subito!" alla ballata solo voce e pianoforte di "Ritorno a casa", e riesce a convogliare in un brano frizzante e incalzante come "L'amore disperato" la saggezza di stampo andreiano e la veracità romana di Daniele Silvestri. La tentazione c'è, ma non si può parlare propriamente di concept album, piuttosto di un'antologia popolare di racconti divisa in atti. Lunga vita al cantastorie!

---
La recensione Luca Bassanese - Recensione - La società dello spettacolo di Eleonora Chiari è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • DeliriumDoll 21/11/2008 ore 10:34 @deliriumdoll

    Ehm... ma ha a che fare con un certo libro dall'omonimo titolo? :S

  • kobracccpozzi 21/11/2008 ore 11:13 @kobracccpozzi

    Esatto, Debord. Lo prende come spunto per racconti legati al quotidiano. Bel disco, consigliato.

  • Marco Biasio 06/06/2011 ore 22:59 @bisius

    Luca è un amico e sono sempre orgoglioso, quando posso e ci sono gli spazi giusti, di consigliare la sua musica. Grande attenzione al suono popolare, gusto melodico e pennellate di poesia. Questo, dei tre, è il migliore. Peccato non vi sia la recensione de "Il Futuro Del Mondo", uscito lo scorso autunno.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati