< PRECEDENTE <
RECENSIONE
01/12/2008

Dieci anni in più e non sentirli. Racchiudere le rughe dentro ad un quadro e, dimenticato lo scioglimento, risorgere dalle proprie ceneri. Come una fenice, come il Dandy per antonomasia.

I Dorian Gray dalla Sardegna riaffacciano lo sguardo sulla musica e sul continente con un album eccentrico, emblema della lunga pausa presa e carico di piccole bombe ad orologeria pronte ad esplodere da un momento all'altro. Dopo la raccolta di outtakes uscita nel 2005, finalmente un nuovo album. I dieci brani scorrono veloci senza nessuna caduta di stile, ma lasciando spazio ad un carismatico rock italiano di vecchia memoria marleniana. Un melodico psichedelismo cede al fascino di elementi acustici e struggenti, dalla tromba in "Crisalide" al violino nella traccia finale "Salomè". Le canzoni sussurrate accompagnano in un viaggio onirico verso una conoscenza socratica, attacchi pop e atmosfere noir sono il veicolo di parole forti che si trasfigurano in immagini all'interno del cofanetto, per uno sposalizio fecondo tra suoni e colori. A fare da testimoni d'eccezione alla cerimonia partecipano anche Giovanni Ferrario (è sua la chitarra in "Manicure") e Giorgio Canali, che presta il basso per "Non esiste".

Dietro ad una scorza impenetrabile e dentro ad un nero che pareva essere senza sfumature, in uno spiraglio di luce loro sembrano dire: anche i duri hanno un cuore.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (7)
Carica commenti più vecchi
  • Carlo Maretto 01/12/2008 ore 18:23

    Bello. Bello e morbido l'abbraccio inquietante e un pò torbido di questi ascolti. Sento che si rialimenta la certezza di sentire un concerto di rock italiano che cjifaccia sognare e pensare. Mi sapete dire quando suoneranno vicino a Genova?

    > rispondi a @marlene
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >