Societa' Responsabilita' Limitata (SRL) Requiescat in pace 2000 - Progressive, Metal

precedente precedente

Vengono da Stroncone, un paesino in provincia di Terni che rievoca in me il sapore di fungo porcino... si chiamano S.R.L. che sta proprio per Societa' a Responsabilita' Limitata, nome studiato appositamente per fare il verso a grandi gruppi italiani come Premiata Forneria Marconi (P.F.M.) e Banco del Mutuo Soccorso (B.M.S.).

Sei musicisti senza pretese di innovazione, ma con la ferma intenzione di ripescare la classicita' del metal e di taluni aspetti del progressive rock. Si professano "menestrelli del 2000" perche utilizzano le loro note per narrare il quotidiano, filtrato attraverso l'occhio di chi vede la societa' come un ingranaggio vivente, che ci incastra senza prendersi la responsabilita' delle proprie azioni.

Al di la dei discorsi filosofici, gli S.R.L. sono soprattutto una band di musicisti di alto livello, capaci di domare massicce bordate di suoni, incanalandoli in calibrate strutture metal.

L'incedere delle composizioni viene regolato da un battito violento ed estremamente diviso, con portanti chitarristiche di grande rilievo tecnico, che conferiscono un passo ondulato e aggressivo al notevole flusso di note sprigionato dagli strumenti.

Nonostante la violenza profusa, la vena melodica e' sempre molto marcata e fornisce l'impalcatura su cui poggiare la tensione incessante dei cinque episodi di questo Requiescat in pace, album non di rado incentrato su costruzioni ipertecniche.

La voce si esprime attraverso l'italiano, con liriche riflessive e agguerrite, cantate con la rabbia di chi vuole gridare al mondo le proprie emozioni.

Una formazione sopra la media, capace di controllare con precisione chirurgica anche i fraseggi piu' complessi... manca forse la giusta dose di originalita' in grado di garantirgli uno spazio autonomo, ma rimangono certamente un buon ascolto per gli amanti del genere.

---
La recensione Requiescat in pace di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-11-17 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia