< PRECEDENTE <
album Bleargh - Dona Ferentes

Dona Ferentes

Bleargh

Palustre 2007 - Lo-Fi, Sperimentale

RECENSIONE
19/12/2008

A volte un contenuto artistico non può prescindere dalla tipologia del supporto. Ma c'è ancora qualcuno che pubblica i dischi su musicassetta? Oddio sì, meno male. Anche perché questo "Bleargh" non sarebbe mai esistito sotto altre forme e/o involucri. Ad opera di Michele Mazzani e Aldo Becca dell'eccentrica Palustre, il lavoro è un cut-and-paste esasperato di nastri magnetici che dichiarano orgogliosamente la propria bass(issim)a fedeltà. Avanguardista, primitivo e retrò, per alcuni pazzoide o inutile. Dentro c'è il Tutto e il Nulla. E' una bobina fatta di tanti piccoli pezzettini di nastro tagliati con le forbici e incollati fra loro. Field recordings, rumori, lamenti ignoti, sovrapposizioni di radiofrequenze, poesie farfugliate. Qualche episodio più compiuto (delirante e luciferino) accanto a momenti da tape-loop diaristico. Per feticisti.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (1)
  • marcello consonni 19/12/2008 ore 14:15

    Feticismo, apocalisse, Kurt Schwitters:|:][:

    > rispondi a @magnificaossessione
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >