< PRECEDENTE <
RECENSIONE
30/06/2009

Il sushi. Troneggia in copertina e si fa emblema (al contrario) di tutto il cd.
Per poter cucinare il sushi è indispensabile cura, meticolosità, pazienza. Solo se si seguono le regole dei migliori maestri e solo dopo aver ottenuto il brevetto si può presentare il proprio piatto al cliente. Il sushi è perfezione culinaria e, nelle sue forme minimal chic, rappresenta l'esotico d'élite. Costa caro, dura poco, ma è una vera delizia del palato.
Ecco, alle dieci canzoni di Claudio Valente manca questo senso di compiuto e di cura. Spunti davvero interessanti come quelli di "Giada ha perso un tacco" si sprecano nei synth. Testi curiosi come "Questo sushi fa schifo", appunto, si perdono tra ritornelli troppo banali e melodie da pop melenso. Eppure c'è una canzone, "Se permetti ti spezzo il cuore", che ti lascia in bocca la gustosa scia del tonno crudo unito all'alga nori.

Questo cd è un piatto di nigiri dal riso poco cotto e la salsa wasabi poco piccante. Voglia di ricercatezza e stile, ma ancora poca tecnica e originalità. C'è bisogno di amalgamare ben bene tutti gli ingredienti...

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (1)
  • ziggyv 25/01/2011 ore 15:28

    In realtà in questo disco il sushi qui è il simbolo di uno spleen, di una solitudine, di un amore andato a male che nessuna cenetta fighetta radical chic riesce a cancellare...le pietanze sono sul vinile volutamente crude e non del tutto mescolate, le salse ce le mettono la fantasia e la sensibilità e la pazienza di chi sa ascoltare...:[

    > rispondi a @ziggyv
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >