Pisa, anno 2012, Flavio (chitarra/voce) si stanca delle lezioni improntate sulla tecnica, la perfezione armonica e la pulizia del suono, si stanca delle tante "seghe cerebrali" legate alla musica in generale, ma soprattutto si stanca di non avere più ormai, da quando era un piccolo entusiasta adolescente, un gruppo veramente affiatato, uno di quelli dove la musica viene fuori da un intesa viscerale, così che la riproduzione possa galoppare s'un' onda continua: anche se ti parte la corda di Re, chiuderai comunque il pezzo, e lo chiuderai comunque bene.

Flavio coinvolge in quest'idea il suo batterista preferito, l'Andrea. I due si fanno parecchie miscele di ascolti e si sfogano in saletta, dove tirano su due pezzi (poi cassati) inizialmente in inglese e poi adattati all'italiano con nuovi testi. I pezzi sono il seme di quello che sarà la pianticella Rodedentro, con una struttura robusta fatta di riff tirati, ma anche di accordi e melodie che trasportano la voce, voce che nell'arco di un anno prende tutti i colori di cui ha bisogno. Il sound rock è la base dove si vanno a posare post-punk, grunge e influenze della musica alternativa italiana anni 90 e anni 00 con testi che esplorano i bisogni e i rancori interiori, un analisi introspettiva delle cicatrici invisibili che tutti ci portiamo dietro.

Durante questa fase senza guardarsi troppo attorno e domandarsi "dove cazzo sta il basso?" Flavio si ritrova ad aiutare un amico a buttare giù un po' di musica, e insieme a loro c'è Davide che suona il basso guarda un po'! Si ecco, il bassista che entra dentro questa storia, un ragazzo che non ha solo le capacità, ma che si dimostra da subito preso dalle prime canzoni scritte dal duo e si amalgama molto bene completando il sound ed il carattere Rodedentro, questa fusione si dimostrerà ancora meglio poco in sede live. I pezzi cominciano ad esserci tutti o quasi e si comincia a suonare, a far girare queste canzoni su palchi & palchetti & pavimenti che capitano.

Si registrano quattro pezzi inviati per il contest del Musica W Festival edizione 2013, questa cosa finisce con la vittoria del demo contest e ad agosto si suona sul palco di Gazebo Penguins e Fast Animals and Slow Kids.

Più avanti, scrivendo altri brani, i Rodedentro continuano a suonare un po' in giro passando da seratine tranquille come quella divisa con Marnero e Agatha a quella altrettanto tranquilla con i barbutissimi Valient Thorr (North Carolina).

Flavio Andrea e Davide registrano dieci pezzi tra settembre e dicembre 2014 (si perché c'è stata nel mezzo una dura ma bella vendemmia in Francia); e vogliono farli sentire a tante persone.