I Jellyfish Lake nascono nel 2009, quando tre ragazzi appassionati di rock, stanchi di suonare individualmente ognuno il proprio strumento (Francesco la chitarra, Niccolò il basso e Federico la batteria) decidono di riunirsi e riprodurre insieme alcune canzoni dei loro artisti preferiti: Oasis, Strokes, Beatles, Rolling Stones, Blur, Arctic Monkeys e altri,che non arrivano a suonare per poter dare spazio alla propria creatività. Quando i loro brani, composti rielaborando alcune improvvisazioni, raggiungono una certa completezza, sufficiente per poter essere definiti canzoni, integrano la formazione con l'inserimento di un cantante e chitarrista, Giovanni; a completamento dell'opera, i testi scritti da Tommaso. Il genere è una commistione di molte interpretazioni del rock: dalle origini, coi grandi gruppi degli anni '60, alle emanazioni più recenti, gli Interpol, gli Strokes, gli Arctic Monkeys, i National, gli Oasis, i Libertines. Questo, e molto di ciò che sta tra questi estremi capi, è ben presente nell'orecchio di ogni componente, ognuno dei quali partecipa in maniera attiva alle composizioni, così da creare una sintesi di suoni diversi ma della stessa famiglia, classici ma non triti, armonici ma non scontati, il cui gusto è fondato sull'ascolto e la cui creatività è fondata sulla passione per il suonare, devota verso i maestri ma dotata di personalità creativa. Fin dal completamento dei primi brani, il gruppo ha proposto la propria musica live, scoprendo di amare il palco non meno della sala di registrazione, trovandosi a proprio agio fin dall'inizio e provando a trasmettere al pubblico il proprio entusiasmo con passione, semplicità e freschezza.