La costante determinazione nello svelare l'altra faccia dei sentimenti, quella più privata, a volte anche dolorosa; l’attenta ricerca di un’intimità d

Il progetto musicale di Rossella Scarano parte nel 2002, quando decide di abbandonare la veste di chitarrista per cominciare a dedicarsi al canto e alla composizione autoriale.
Scrive sia in inglese che in italiano, entrambe le lingue formano infatti il suo background musicale: influenzata, da un lato dalla scena del cantautorato statunitense e canadese (Carole King, Fiona Apple, Ani DiFranco, Aimee Mann, Cat Power, Joan as a Policewoman), dall’altro dal panorama della musica indie italiana (Cristina Donà, Perturbazioni) La ricerca sonora di Rossella Scarano si orienta principalmente nei territori dell’alternative folk e del rock.

Nel 2004 una delle sue canzoni Don’t say a word viene scelta ed inserita in un cd-rom promozionale_della_UMM_Moda&Musica.
Nel Gennaio 2007 decide di mettere su un gruppo e promuove la sua musica esibendosi da sola e con la band in diverse ed importanti occasioni tra cui: l'apertura per gli EPO alla Casa della musica (Na), l’esibizione alla Rock Tv School di Cusano Milanino (Mi), il live al Napoli Pride 2010 in Piazza del Plebiscito e al No B Day 2 a Piazza San Giovanni, Roma. E’ finalista al Diacetum Festival '08 (Sogno di una nota di mezz’estate), al Musica W Festival '08 e al Premio Lunezia '09.
A Febbraio 2009 due suoi brani (L’eco e Everything is changing) vengono scelti dalla commissione di Demo Radio 1 e trasmessi nella puntata del 2/2/09.
A Febbraio 2012 esce il suo primo disco “Guardando Fuori” (Fullheads distribuzione Audioglobe)