Nel corso del 2009 quattro funkeggianti mariuoli del varesotto si incontrano per caso (o per Kaso) al CFM di Barasso, iniziando ad intessere una proficua collaborazione, che li vede realizzare un monumento del rap contemporaneo, destinato ad essere tramandato ai posteri, dal titolo provvisorio di Fatti portare più su. Il pezzo - ritenuto un tempo scomparso - è stato pubblicato dai quattro nel 2019 nel loro disco per Motown, dal titolo Rares, B-sides & bad-ass muthafuckin' bullshits. Dopo il successo su scala planetaria ottenuto grazie al loro primo lavoro i quattro meditano il ritiro a vita privata, ma la richiesta da parte di Tom Morello di affiancarli in qualità di supporter in un tour mondiale li convince a creare una formazione stabile, conosciuta ai più come Stick It To The Man. Dopo un breve periodo di rodaggio i nostri cominciano a girare il mondo, ottenendo ovunque un grande successo. 5 anni di carriera più tardi, il mondo musicale tributa agli Stick It To The Man la più alta onorificenza, la Testa di Carlo Pastore su piatto d'argento, in seguito al raggiungimento di 2 dischi di platino, 3 dischi d'oro e 1 servizio in porcellana da 12 con disegni floreali. Ormai ricchi sfondati i nostri si ritirano dalle scene, dopo un ultimo concerto al Madison Square Garden, dove artisti del calibro di James Brown, Isaac Hayes e Ray Charles resuscitano da morte per tributare ai quattro il saluto che si meritano.