Il gruppo si forma nel 2007, con una line-up diversa da quella attuale, che nel 2008 con l’arrivo del nuovo bassista, Francesco Bozzi, trova la sua formazione definitiva. Quest’ultimo, anche se proveniente da un mood musicale differente, riesce a fondere il proprio stile con quello degli altri membri della band e a sostenere le melodie con gusto e tecnica ineccepibile. Le chitarre sono affidate a Massimo Bagnoli, esperto chitarrista dalla innegabile impronta rock. La ritmica, oltre che al bassista, è affidata al giovane ma esperto Emanuele Mazzoni, drummer potente e preciso, a cui sono affidati anche i cori. Alla voce troviamo Costantino Lazzeri, autore di quasi tutti i pezzi, arrangiati comunque da tutta la band. I testi, sia in italiano che in inglese, sono un punto importantissimo nelle scelte degli Stanislao Moulinsky.Il risultato finale è un rock melodico che riporta a suoni d'oltreoceano. Nel 2009 partecipano al Tour Music Fest, concorso nazionale della musica emergente, approdando alla semifinale e riuscendo quindi ad essere tra le prime 20 band delle 4000 partecipanti alle selezioni iniziali. Nel 2010 prende vita il loro primo disco autoprodotto dal titolo "Y", che trova riscontro di recensione sia nella stampa regionale (La Nazione, Il Tirreno, etc..) sia in alcuni siti on-line specializzati come Onda Alternativa, Rockit e SuondMagazine.

Ultimi articoli su Stanislao Moulinsky