STEFANO ZORCO

Stefano Zorco, è un apprezzato songwriter cagliaritano.
Classe 1971, nato a Cagliari, alla soglia dei quarant’anni decide di rispolverare una vecchia passione per troppo tempo messa da parte: le canzoni.
Nel 2010 scrive i brani del suo disco d’esordio che registra l’anno dopo.
Il 2011 è l’anno di “Sicuramente un clandestino”.
Il filo conduttore che accomuna le canzoni di “Sicuramente un clandestino” è la clandestinità. Fotografie di situazioni in cui spesso, indossando una maschera, si cammina sopra il filo sottile della clandestinità.
Dal 2011 Zorco inizia ad esibirsi in concerto accompagnato da ottimi musicisti che valorizzano al meglio le sue interpretazioni. Nei concerti propone brani di sua composizione alternati a rivisitazioni di canzoni dei più importanti cantautori italiani quali Francesco De Gregori, Lucio Dalla, Paolo Conte solo per citarne alcuni.
Dal 2011 al 2014 Zorco si presenta “Live” in diverse formazioni elettriche ed acustiche accompagnato da musicisti di indubbio valore con un repertorio molto vario incentrato sui brani di propria composizione.
Negli stessi anni porta avanti la collaborazione con “I Musicanti” con i quali porta in scena uno spettacolo incentrato sulla riproposizione in chiave acustica delle canzoni di Francesco De Gregori.
Nel 2013 collabora con uno dei gruppi musicali più importanti della scena “progressive” italiana, gli “Entity”, scrivendo l’introduzione al loro disco intitolato “Il falso centro”.
Nel 2015 esce il secondo disco intitolato “Nessuno in casa”. Il disco è stato pubblicato dalla USR - Ultra Sound Records.
“Nessuno in casa” si compone di 12 canzoni. Il filo logico che lega i brani è l’amore. L’amore visto dal punto di vista più scomodo ma forse più affascinante……. In “Nessuno in casa” si parla dell’amore che va via, l’amore visto di schiena. Ritratti di anime, sensazioni, curiosità, cani, rom and cola e pensieri che portano lontano……. Ma la sensazione diffusa è che un cambiamento di programma, seppur inaspettato, non previsto e talvolta doloroso rappresenti sempre una nuova possibilità. Immagini a volte dolci altre molto forti in una tavolozza di colori, di musiche e parole che rapiranno l’ascoltatore in un viaggio attraverso i lati più oscuri e affascinanti dell’anima. Le canzoni sono state scritte negli ultimi due anni e registrate nei primi mesi del 2015. Il lavoro è frutto di una bella collaborazione con musicisti molto validi che lo accompagnano anche nei concerti.