Quartetto alt-pop italiano

I Suspension Dots nascono in seguito all'idea di Claudia, Matteo e Gabriele di avviare un progetto volto alla produzione di brani inediti. Dopo uno stravolgimento nella formazione, durante l'estate del 2011 la band raggiunge la line-up definitiva con l'arrivo di Marco al basso. Insieme i quattro registrano il primo EP, prodotto da Emanuele Navigli e intitolato "Love & Science", contenente i brani inediti Falling Upward, Spring, Rust e Cinders, con l'aggiunta di Jerusalem, una cover di Anouk. Grazie a questo disco i Suspension Dots partecipano al concorso Aspiranti Polisuona 2012, superando le selezioni e guadagnando la vittoria e la possibilità di esibirsi all'evento organizzato dal Politecnico di Milano. In seguito a tale successo accedono alla scena milanese, suonando in vari locali della città.

I brani firmati dal quartetto, frutto di un duro lavoro di ricerca in sala prove, scorrono in un delicato equilibrio tra melodie decisamente orecchiabili di estrazione pop-rock e momenti di ricerca e sperimentazione musicale, senza mai cadere in un virtuosismo fine a se stesso.

Sul palco i Suspension Dots propongono anche alcune cover che spaziano tra le più svariate declinazioni del rock, dai Red Hot Chili Peppers ad Anouk, da Janis Joplin ai Pearl Jam, dai Queen a Tom Petty.