Il gruppo nasce nel 1997 proponendo fin dal primo concerto composizioni originali e covers (Grateful Dead, Phish, Creedence Clearwater Revival, Frank Zappa, Flatt & Scruggs, Moe., Umphrey’s Mc Gee, The Shadows e… chi più ne ha più ne metta!) alternate a lunghe improvvisazioni che garantiscono la peculiarità di ogni concerto. Prima di arrivare all’ attuale formazione se ne sono alternate diverse nel corso degli anni (fra tutte la gloriosa formazione a sei di fine anni '90 con due batterie, due chitarre, basso e tastiere). Il primo album, intitolato “The Wooden House” esce nel 2001 e comprende i primi brani originali cantati in inglese, il secondo album, intitolato “Salviamo Barabba” esce nel 2005 e segna la svolta verso i testi in italiano. Esce a Natale 2008 il terzo album del gruppo, intitolato “Raptus!” che presenta canzoni incentrate sul mondo del lavoro e ciò che rimane nel poco tempo libero, una sorta di concept album incentrato sulla vita dell’ italiano trentenne medio alla ricerca del suo ruolo nella società. La folta presenza di musicisti ospiti (specialmente in “Teoria dell’ Involuzione”) ha reso il sound del disco decisamente diverso da quello del gruppo dal vivo. The Wooden House ha come base operativa lo “studio Epsilon” di Isola della Scala (Verona) da loro stessi gestito. L’ album “Raptus!” è stato arrangiato, registrato, mixato e prodotto da loro stessi, investendo un anno di lavoro in questo progetto. In progetto per il 2009 c’è la volontà di suonare il più possibile dal vivo e registrare le esibizioni, in modo tale da poter pubblicare un disco live che metta in risalto il fattore improvvisazione.