ThunderDogs – Ceccano (Fr) – 2014. Band che si muove tra lo stoner ed il crossover con sonorità spesso vintage e con un groove compatto e potente

Nascono nel marzo del 2014 inizialmente con formazione a quattro elementi: Giovanni Pizzuti (voce), Francesco Carlini (chitarra), Emiliano Carlini (basso) e Sandro Belli (batteria). Il progetto è basato sin dall’inizio sulla scrittura di brani inediti che nascono da jam session annaffiate di birra in sala prove. Il sound risulta da subito corposo, compatto e dalle ritmiche definite e senza troppi fronzoli. Ad novembre 2014 al quartetto si aggiunge la seconda chitarra, quella di Gianluca Del Brocco, che porta al naturale completamento la formazione ed il sound. Le caratteristiche ed i gusti musicali dei cinque, talmente eterogenei e differenti tra loro quasi da sembrare che non possano convivere, sono forse proprio il loro punto di forza. Cinque gusti, cinque stili, cinque timbri cosi lontani che si amalgamano perfettamente fino a creare sonorità compatte e potenti. La chitarra, seventies e bluseggiante di Francesco viene caricata e supportata da quella di estrazione metal di Gianluca. Il basso di Emiliano, indefinito ed indefinibile nello stile, muovendosi dal blues ai Rage Against The Machine rende il tutto corposo e di forte impatto. La ritmica della batteria di Sandro, di derivazione HardCore, si appoggia invece su tempi lenti e sincopati, dove la voce di Giovanni è libera di spaziare, grazie alle proprie doti vocali, da Johnatan Davis a Billy Idol con linee melodiche che si alternano ad altre graffiate e vigorose. Le tante sfumature che compongono il loro stile, volutamente non riconducibile ed inquadrabile in un genere definito, si avvicina a tanti ed a nessuno. Jack White, Alice in Chains, RATM, Sound Garden, Tool, Kyuss, Korn e Marilyn Manson sembrano mescolarsi e far nascere i brani che possono essere semplicemente definiti Crossover. Il progetto è ambizioso ed è il palco l’ambiente naturale della band; è lì che si apprezza al meglio il loro lavoro con un groove di forte impatto. Ad ottobre 2014 arriva il primo singolo “Stop Your Cold”, in una versione totalmente homemade, che viene inserito nella tracklist della compilation “Ceccano Brucia” seguito da numerose apparizioni del quintetto Fabraterno tra le quali ricordiamo l’opening ai “Sula Ventrebianco” nella data Frusinate del loro “Furente Italian Tour”, quella al fianco dei catanesi “None Of Us” nella loro unica data Ciociara e soprattutto l’apertura al concerto in cui andavano ad esibirsi, per la prima volta sullo stesso palco, 99 Posse e Bandabardò al GallinaRock 2015, oltre alle varie tappe nei diversi club della provincia. Al momento stanno promuovendo il loro primo lavoro discografico autoprodotto che li ha visti impegnati in sala di registrazione nell’estate 2015. Si tratta di un EP,“EX – ExplosiveAtmosphere” contenente 6 tracce che già dal titolo lascia intuire le intenzioni del quintetto e che è stato presentato ufficialmente, con un evento dedicato, il 19 Dicembre scorso. Alle versioni digitali ascoltabili gratuitamente e presenti sulle principali piattaforme on line (YouTube con un canale dedicato, Spotify, ecc.) e quelle scaricabili a pagamento (iTunes, Google Play e Bandcamp in primis) proprio dal 19 dicembre si è aggiunta la copia fisica dell’EP acquistabile ai live della band.
I testi parlano del quotidiano, di ciò che abbiamo dentro noi stessi e di tutto quello che ci circonda. Si va dall’inno alla vita del musicista inteso come gruppo, come aggregazione di più persone che trascorrendo del tempo insieme lavorano per raggiungere un obiettivo comune di “We are the stones” al tragico racconto della malattia di una persona cara di “Stop your cold”; da fatti di cronaca che hanno sconvolto l’Italia intera come il G8 in “Turnin’ page”, ad una relazione tra due adolescenti con lei romantica sognatrice e lui scaltro ed approfittatore di “Diana” per arrivare al viaggio dentro se stessi, dove le mille personalità che ci caratterizzano sono alla continua ricerca di nuove emozioni fino a raggiungere la libertà assoluta di “Run free”. Attualmente, tra un live e l’altro, stanno lavorando alle riprese del loro primo video del singolo “Stop your cold” e su nuovi brani che proporranno già nelle prossime date. Per il 2016 è previsto un secondo videoclip e forse chissà, inizieranno i lavori per il loro primo album. Stay tuned.