cantautore km 0

Poeta della semplicità, schietto e e diretto, Tomaso Chiarella ricalca la scena perduta dei cantautori genovesi degli anni 80, una schiera di artisti che cantava pane al pane e vino al vino, e che non era per nulla intimorita dallo sputare in faccia la realtà al proprio pubblico. Il suo disco dal sintomatico titolo "trasparente" (2012), è l'immagine esatta di Chiarella, una chitarra e una formidabile meravigliosa quotidianità, un pugno di amici, un amore da ritrovare, il fedele cane toffee, l'ultimo autobus della notte perduto.