Congrega policroma di musici itineranti, proto-wave, pre-punk, sub-pop e post-pasto.

Come nelle migliori pellicole della peggiore cinematografia kazaka, quattro individui qualunque in maniera vivacemente immediata e quasi senza proferir parola si conoscono, si uniscono e partoriscono questa boutade sonora che fa pianger vergogna gli antenati e sospirar d'amore carnale le liceale di quasi tutta la penisola. Metanoia come la figura retorica tirata a sorte fuori dai dizionari, Metanoia come il termine figo che puoi dire alle feste senza sembrare un Cacciari qualunque, Metanoia come la band che più vi piace, vi piaccia o no. In altri tempi ed in altri luoghi avremmo fatto meglio ad impiegare il tempo in soddisfacenti attività ricreative come il tennis, i tarocchi o un sincero ed ostinato alcolismo, ma (anche a causa di entità demoniache quali la connessione internet e i portafogli consistenti di padri più o meno middle-class) ci siam permessi di sputar fuori un EP autoprodotto, si chiama "Anche le pulci hanno la tosse", ruvido come il mento di Bianconi ed intenso come una martellata all'inguine. Ascoltatelo, se non avete tempo.