Rock meticcio ai tempi del colera. Atmosfere scure, taglienti, arrabbiate, melodiche e nervose, accompagnate da testi poetici, onirici e sussurrati

Se siete curiosi di ascoltare rock meticcio sbocciato negli anni zero, avvicinatevi alla Linea di Greta. Sono passati più di dieci anni da quando gli I.R.A. – Iniziativa Ribelle Atipica, promettente compagine romana sul cui futuro in molti avrebbero scommesso, gettarono la spugna.
Dalle scene si ritirò anche il cantante-autore Luca Cattolico, tre anni fa riapparso assieme al chitarrista Emiliano Viccaro alla guida dei La Linea di Greta, con il cd auto-prodotto "Cani di Banlieu".
Nel 2012 tornano sulle scene con "L'Amore ai Tempi del Default", con la collaborazione e gli interventi di Militant A [Assalti Frontali] e Giulia Anania
"L'AMORE AI TEMPI DEL DEFAULT" è la normalità della rivolta, una Rivolta 2.0, tra eroi dimenticati (Riccardo Fogli) e Un eroe dei nostri giorni (in questi giorni scannati, in questi giorni scaduti e maleodoranti). È un Viaggio al termine della Notte (Bianca), in una Terra ‘e nisciuno da percorrere In bilico, scomodi, mai appagati, con un aspetto poco affabile. E tutti gli Zombi d’Italia a morderci le chiappe. È L’estate di Greta, questa. E che Céline ci perdoni. E che San Giovanni Ferretti ci abbandoni. Oggi abbiamo Marte dissonante. E amiamo così. Ai tempi del default. Per sempre Fedeli alla Linea di Greta.
Il cd è anticipato dal video “Rivolta 2.0” – feat. Mi litant A:
La Linea di Greta è:
Giorgiana Viccaro – batteria e percussioni
Silvano Lama – basso, tastiere e programmazioni
Federico Lama – chitarra elettrica e acustica, tastiere
Emiliano Viccaro – chitarra elettrica e acustica, cori
Luca Cattolico – voce