Venus In Furs - Testo Lyrics Braccia Rubate All'Agricoltura

Testo della canzone

Sogna chitarrista
presto sarai una rocktar
la Punto Abarth nel garage
il ciuffo punk vedrai non tradirà
E il letto te lo rifà mamma
all’iphone ci pensa la nonna
Ed ai conti ci pensa papà

La tua indipendenza è una conquista
da fuori sede in una grande città
sei fuoricorso e con la sveglia dopo l’una
a smaltire la sbronza della sera prima
In culo ai tuoi vecchi che ti pagano singola in centro e università

Non va

Ormai sei andato oltre, sopra ogni limite
vedermi in te fa male, è terribile
ti avessi faccia a faccia, che libidine
finché nessuno vede non c’è crimine
Fra me e te c’è uno specchio, sei irraggiungibile
finché nessuno vede no, non c’è crimine

Il punto è che mi stai sulla minchia
tu si hai una dignità, e non vuoi
far la fine di papà
la fine di un operaio in fabbrica
Vuoi metter col fare il calciatore, la velina, l’attore
o la diva in pubblicità?

Scappa e non far finta
farai una fine amara
ti sfai di coca, se non vuoi morir di noia
i pomeriggi su Facebook e cena al McDonald's
E piangi se pensi alla maglia che avevi col Che Guevara

Non va

Ormai sei andato oltre, sopra ogni limite
vedermi in te fa male, è terribile
ti avessi faccia a faccia, che libidine
finché nessuno vede non c’è crimine
fra me e te c’è uno specchio, sei irraggiungibile
finché nessuno vede no, non c’è crimine

Vola bimbominchia
il tuo viaggio in orbita, che poi
tu sia operaio o un astronauta
giocati bene la possibilità
che questa volta è l’ultima
si questa volta è l’ultima
che questa volta è l’ultima

Album che contiene Braccia Rubate All'Agricoltura

album BRA! - Braccia Rubate all'Agricoltura - Venus In FursBRA! - Braccia Rubate all'Agricoltura
2013 - Rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati