Il trio strumentale VeryShortShorts suona composizioni scritte per pianoforte e violino con l’aggiunta di colpi percussivi ritmici e regolari che tirano giù i palazzi. Fanno classica, fanno punk, fanno minimal, fanno schifo…dipende a chi chiedi. A fine 2010 viene pubblicato in Europa e Stati Uniti l’album di debutto “Background music for bank robberies”, il disco viene registrato, mixato, cotto al forno e stampato con 1100 euro, a testimoniare un'attitudine punk e DIY che rimarrà marchio di fabbrica di un progetto altrimenti difficilmente classificabile . Dopo ottimi riscontri dalla critica sia italiana che estera e passaggi radio dal web alla RAI, il gruppo parte in tour prima in America e poi in Europa (Francia, Belgio, Olanda, Germania, Polonia, Rep. Ceca, Austria, Slovenia, Svizzera, Regno Unito), cimentandosi in live-set da cardiopalma. Il 2 novembre 2011 uscirà “minimal boom!”, disco che la band stessa ha voluto presentare come “secondo e ultimo album dei VeryShortShorts” , ironizzando sullo stato di salute dell’industria musicale e affermando soventi “ al giorno d’oggi tanto vale pubblicare musica su floppy disc…”. Strafottenti e romantici al punto giusto, giovani ma con le idee chiare. Formazione Stefano Manca: piano Jeremy Thòma: batteria Emilio Vettori: violino e viola