"Yielding Branch" è un ramo di un albero esposto alle intemperie, piantato in un terreno non sempre ricco dell'humus necessario e colmo di molti altri rami che spesso si spezzano o non danno frutti. Ebbene, Yielding Branch non è altro che un ramo fruttifero. Un ramo che, nonostante tutto, non è in grado di non dare frutti, non si spezza perché dotato di molta elasticità che gli permette di resistere nel tempo e ad ogni tipo di attacco. Anche se venisse troncato da una forza violenta, questo ramo non può che rigenerarsi e perseverare nel suo scopo: produrre i suoi frutti. Il progetto di sperimentazione musicale "Yielding Branch" prende origine in un terreno privo di quegli elementi che ne avrebbero assicurato lo sviluppo. Nel settembre 2005, infatti, Jane e Rose iniziavano a dar vita a idee già troppo d'avanguardia per riuscire a diffondersi anche soltanto tra coetanei o persone con gusti artistici simili. Quello che Jane e Rose concentravano nelle loro opere, sebbene ancora in stato embrionale, era un profondo impulso di cambiamento; un divenire rivolto alla positività di intenzioni e di azioni, all'introspezione e all'empatia, sempre frutto della volontà di migliorare le realtà, visibili o invisibili che siano. Lo stile, inizialmente permeato da forti tonalità dark e goth, ben presto trova evoluzione nelle intense atmosfere power e sinfoniche del metal scandinavo. Ciò ha giocato un ruolo principale nella riuscita dei testi, fin dall'inizio in lingua inglese per una comprensione il più universale possibile, rivolti alla creazione di nuovi scenari nei quali ben si delineano innumerevoli sentieri dalla meta decisa e dal percorso insondabile. Tali percorsi, in definitiva, hanno come scopo principale quello di raggiungere la meta lasciandoci inventare gradualmente svariate possibilità di godere del viaggio, eliminando il più possibile tutte le probabili ripercussioni negative su noi stessi; una sorta di purificazione dai mali autodistruttivi che attanagliano gli uomini fin dal nucleo della propria psiche. Se nell'arco di 4 anni tali idee non sono mai state totalmente comprese nell'ambiente in cui venivano generate, hanno trovato terreno fertile in casa Drengot, dove nel settembre del 2009 fa ingresso per la prima volta Sheena. La chitarrista, di genere hard rock e punk, riconosce immediatamente la rivoluzione musicale che ribolle ancora latente nelle opere targate "Yielding Branch". Nei mesi autunnali dello stesso anno iniziava una forte collaborazione intenta a fondere i diversi stili musicali caratteristici di ognuna delle tre componenti. Lo scopo è quello di fondere stili diversi in qualcosa che "deve assomigliare ad un frullato ben amalgamato, con un gusto deciso e unico, nel quale non si vedano più i pezzetti dei singoli frutti, ma li si riconoscano soltanto gustandolo con attenzione". (cit. Jane). Da allora Jane, Rose e Sheena costituiscono il nucleo principale degli Yielding Branch, tenuto ben saldo dalla loro forte amicizia e dall'alta qualità dei risultati che ormai da circa un anno stanno ottenendo.