Gli AcomeandromedA nascono all'inizio del 2008.

Una realtà musicale vicina al rock, come cultura e modo d’essere, ma sicuramente non esauribile nello standard di etichette specifiche. Fra le influenze più evidenti s’intuiscono il grunge e il noise, con preziosi richiami alle atmosfere progressive che rivivono in chiave moderna fondendosi in uno stile del tutto nuovo e sorprendente.

Hanno partecipato a numerosi contest e festival musicali.

Hanno condiviso il palco con artisti come Marta sui Tubi, Bugo, Offlaga Disco Pax, Tre Allegri Ragazzi Morti, Jolaurlo, Octopus.

Si sono esibiti per l’ottava e nona edizione della Settimana della Cultura Italiana in Bosnia Erzegovina (Banja Luka), per il MEI 2008 (Faenza), per l’Alterfesta 2009 (Cisternino), per Aritmia Mediterranea 2009 (Molfetta), presso il Centro Sociale “Le Macerie” (Molfetta), per l’evento Maledetta Primavera di Putignano promosso da ROCKIT e sono stati invitati a varie interviste radiofoniche (“Radio Città Fujiko” di Bologna, “Radio 103” di Rutigliano, “PrimaRadio” di Molfetta, “Radio Puglia” di Castellana Grotte, “Radio Blu” di Monopoli).

AcomeandromedA prende nome e attitudine da “A come Andromeda”, romanzo di fantascienza scritto a quattro mani da Fred Hoyle e John Elliot nel 1962. Il dissidio interiore di Andromeda diviene emblema artistico della band che diviene “occhio meccanico” sulla contemporanea società umana guardandola dal di fuori e ponendosi nei confronti di essa come uno specchio, o meglio ancora come lente d’ingrandimento.

PREMI:
2011 Primo Premio “Gioia Rock Festival”
2011 Primo Premio “Suoni a Piede Libero”
2009 Primo Premio “21 gradi all’ombra”
2008 Primo Premio “Saint Rock Festival”

COMPONENTI:
Vito Indolfo, voce e flauto traverso
Willy Elefante, voce e tastiere, synth, piano
Andrea Manghisi, chitarre
Matteo Tanzi, basso elettrico
Michele Manghisi, batteria