Backwords
Foto
0
Articoli
0
Concerti
0

Tracklist

00:00
 
00:00

Descrizione a cura della band

“DUE”, in uscita il 2 dicembre per Elastica Records, è il nuovo ep di BACKWORDS, il duo formato da Michele “Pardo” Pauli, mente e chitarra della storica band milanese Casino Royale, e Alberto “Tuzzy” Tucci, fondatore di Elastica Records e pioniere del dubstep in Italia. Dopo le incursioni nella bass music di matrice britannica nei singoli “A Smile of Fortune/Hard Days Night” e “Not Your Teddy Bear” (quest’ultimo remixato dalla pluripremiata producer house Maya Jane Coles) e dopo essersi cimentati in numerosi remix fra cui la rivisitazione del brano “Just Say Who” firmato da Almamegretta insieme ad Horace Andy, Pardo e Tuzzy tornano con una prova sulla breve distanza composta da quattro tracks ipnotiche in bilico fra digitale e analogico. Un disco con cui farsi rapire da loop elettronici che procedendo per addizione incalzano gradualmente con risultati mesmerizzanti (“Tract”), farsi cullare da samples che acquisiscono nella reiterazione il potere taumaturgico dei mantra orientali o dei canti sciamanici (“Ta-Yu-Ta”, “B-Gain”) o ancora lasciarsi adagiare su avvolgenti ed eterei tappeti sonori per poi ritrovarsi all'improvviso abbandonati nel bel mezzo di paesaggi intrisi di inquietudine (la conclusiva “Grasshopper”), quella stessa sinistra inquietudine che ritorna peraltro anche nell'artwork del disco, una rielaborazione dell’affascinante dipinto “Moonlight Wolf” del sommo pittore del West americano Frederic Remington.

Dare una definizione della produzione di questo originale duo non è cosa semplice e tantomeno necessaria, come sostiene lo stesso Pardo: “BACKWORDS” spiega “è una naturale deriva dell’esperienza di Royalize (side project d’n’b di Casino Royale datato 1999) che si era esaurita troppo rapidamente. Quel suono, quello della ripetizione nella musica moderna intendo, è una reminiscenza antica che costantemente ritorna nei miei ascolti e nelle mie produzioni. Dubstep, techno, trap, dub… le definizioni non mi interessano, so solo che è un ‘qualcosa’ che attira lamia attenzione e spinge il mio ego a provarci; è come tornare in un luogo conosciuto ma sempre nuovo, un luogo di scambio dove tutto si mette piano piano a fuoco".

Credits

La foto in home page è di Van Mossevelde

Ep disponibile su:
http://www.junodownload.com/products/backwords-due/2323299-02/

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati