Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Il primo lavoro, che nasce dall'esigenza di raccogliere pezzi sparsi in quasi sei anni di scrittura, si chiama "WORST MORTAL ACCIDENTS HAPPEN AT HOME". Un disco prevalentemente acustico(ma con qualche eccezione). Praticamente un home made registrato in vari posti e momenti con un otto piste portatile, reso dignitoso dal magnifico lavoro in missaggio, pulizia e mastering di alberto la riccia ( @Echo mobile studio).

Nei pezzi hanno prestato i propri suoni e le proprie idee ottimi musicisti come:
Mirko Onofrio- fiati e composizione fiati in "barney is dead"
Arianna Luci - violini su "find one day" e "Way Out"
David Gerbasi - pianoforte su "the guilty one" e "find one day", piano e organo su "be with me"
Diego Pavan - synth su "even if I know"
inoltre hanno prestato la loro voce per "find one day"
Michela Trobia e Cristian Rosa.

“Attraverso un percorso sonoro composto da 10 tracce, più una bonus, si passa da brani più complessi come struttura e concept, ad atmosfere calde e acustiche, che sono la vera cifra stilistica del disco. Il lavoro nasce da un'esigenza corporale di raccogliere pezzi sparsi durante sei anni di scrittura e decantazione. Una produzione intimista che contiene tracce struggenti, alternate a brani più ruvidi, a livello di scrittura e andamento sonoro. In particolare è un lavoro di chitarre acustiche e parti vocali, che potrebbe sembrare di stampo principalmente nostalgico, ma che in realtà è capace di guardare avanti e oltre. La cosa più interessante e affascinante di questo progetto è la sua vicinanza e distanza dallo stile cantautorale, che ha invaso le uscite discografiche di questi ultimi anni. Siamo qui di fronte ad una scrittura ed esecuzione rock, scarna, essenziale e senza fronzoli, ma pur sempre di stampo rock anglosassone. Chi ha amato alcuni suoni, atmosfere e scritture sicuramente troverà di interesse questo Worst Mortal Accidents Happen At Home. I suoni poi, a volte grezzi, a volte caldi dopo un primo ascolto vi avvolgeranno come una sciarpa in un freddo inverno. Intemperie sentimentali, nostalgie e ricordi. Quello che di solita la buona musica riesce ad evocare. Come in Be with me, ad esempio, ballata insolita, con un incedere cadenzato e d’atmosfera che funge quasi da manifesto per questa uscita, vitale e matura.”
DARIO GRECO

Credits

missaggio, pulizia audio e mastering di alberto la riccia ( @Echo mobile studio).
Mirko Onofrio- fiati e composizione fiati in "barney is dead"
Arianna Luci - violini su "find one day" e "Way Out"
David Gerbasi - pianoforte su "the guilty one" e "find one day", piano e organo su "be with me"
Diego Pavan - synth su "even if I know"
inoltre hanno prestato la loro voce per "find one day"
Michela Trobia e Cristian Rosa

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati