Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

"Songs Of Loose Morals" è anti-musica fatta in casa in pochissimo tempo e senza costi di alcun tipo (se si esclude la bolletta della luce); un concentrato di synth sguaiati, loop di batteria ipnotici e qualche boiata delirante tanto per canticchiare.


1. Used To Love The Rain
Una canzone che la meteoropatia porta via.

2. Dummies
Una canzone "sociale", in difesa di una categoria di lavoratori tra le più bistrattate: i manichini dei negozi di abbigliamento.

3. Spring Cleaning
Piccole compulsioni stagionali dall'immenso valore autoterapeutico.

4. Leggings Don't Lie
Una canzone feticista.

5. Tattoos On Their Backs (Promiscuous Land)
Prati verdi, cieli sereni e un fiume tranquillo dalle acque limpidissime. Un angolo di paradiso incontaminato e un bel po' di ragazze nude e in atteggiamenti intimi accomunate da vistosi tatuaggi sul fondoschiena. Era solo un sogno. Pare che il tatuaggio sul fondoschiena sia considerato un simbolo di promiscuità. Approfondimenti a posteriori (è il caso di dirlo)!

6. The Fear Of Losing You
Non un canto d'amore, ma un canto di libertà. Niente è come sembra.

Credits

Death Of A Red Fish: keyboards, ukulele, vocals

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati