Rapper e campione di freestyle.

Emanuele Marzia, in arte Debbit è nato il 23 giugno del 1989. Abita nella periferia di Roma da quando è nato, per l'esattezza nel quartiere Trullo. Dopo quattro anni di liceo classico decide che quella scuola gli sta stretta e si diploma in “dirigente di comunità”. Al momento lavora per dare una mano in famiglia, mamma fa la bidella e papà lavora in un'impresa di pulizie. Preferisce mantenersi senza pesare troppo sui genitori ed avere tempo per portare avanti la sua passione: il rap.
Già alle scuole medie grazie ad Eminem si avvicina alla cultura hip hop, ma, è stata la passione per i graffiti a far nascere Debbit. Il nome Debbit, infatti, nasce da un semplice accostamento grafico delle lettere che compongono la parola. Con la sua calligrafia si trovavano benissimo in quella precisa successione così nacque il nome Debbit, senza riferimenti ai debiti, ai beat o a Rabbit personaggio protagonista di 8 Mile, come si potrebbe pensare. Parallelamente all'inizio della carriera di writer comincia a scrivere le prime rime: all'inizio era quasi come fare un disegno, gli andava di farlo e lo faceva. Col tempo gli amici che sentivano le sue strofe dicevano: "Oh comunque è fico!", allora decise di cominciare a fare sul serio impegnandosi costantemente con il freestyle, i dischi e tutto il resto. Il freestyle è uno dei suoi "must", l'essenza del rap in assoluto. Riuscire a fare freestyle, riuscire a partorire ogni qualvolta si voglia una rima, una strofa, un pezzo sul momento rende un mc un vero rapper con la “r” maiuscola. Si cimenta nel freestyle come un bodybuilder si esercita con i pesi, quotidianamente, meticolosamente, con una cura più maniacale di un manicomio. Ogni volta che sta per scrivere un testo si fa trascinare dal beat, si alza in piedi e comincia a improvvisare. Ritiene che chi sa fare freestyle ha un vantaggio notevole nella musica in generale: se uno riesce ad agganciare il flow giusto, la metrica o la rima giusta improvvisando, le potenzialità che può avere scrivendo sono illimitate. Pensa che la battle perfetta sia quella che si svolge davanti ad una folla appassionata che non aspetta altro di assistere allo scontro. Il sostegno, la situazione, il calore, l'hype dei partecipanti fanno salire l'adrenalina creando l'atmosfera giusta. Debbit è un amante delle novità, qualsiasi cosa nuova lo stimola enormemente: una nuova struttura di battle, una location particolare, un beat avanguardistico spronano la sua creatività e il suo coinvolgimento.
Oltre al rap ama disegnare graffiti sia come arte, sia come lavoro (serrande, interni negozi, edifici ecc), è un grande amante delle console con le quali ama misurarsi quotidianamente con gli amici.
Nel 2010 esce il primo “Unfamilyxtape” in free download sul portale Honiro, che vede collaborazioni da gran parte della scena romana e non solo e che riceve discreto riscontro. Nel frattempo Debbit comincia a mettersi in luce nelle battaglie di freestyle e sfrutta l'attenzione per pubblicare fuori il primo video ufficiale da solista, dal titolo “Numeri”, che metteva in mostra le skills del rapper in uno scenario di competizione street soccer, alludendo alla competizione delle battle. Il pezzo nasce dalla collaborazione tra Debbit e il produttore Manu PHL, collaborazione che non si limita ad un singolo pezzo . Questo lavoro attira l'attenzione di Piotta che propone ed ottiene da Debbit una collaborazione con la sua etichetta La Grande Onda.
Nel 2012 esce il secondo tape del collettivo Unfamily ossia “Unfamilyxtape vol.2”, con featuring e produzioni da tutta Italia. Debbit continua a coltivare la passione per il freestyle arrivando ad essere considerato a livello nazionale, a tal punto da essere selezionato per partecipare ad MTV Spit, il contest di freestyle in onda sul canale MTV. Già dalla prima sua apparizione, Debbit cerca di portare il suo stile e di distinguersi il più possibile dal resto degli mc.
Dopo la partecipazione alla seconda edizione di Mtv Spit, nel mese di giugno 2013 ha pubblicato l’ep ‘È il mio Turno’ accompagnato dall’omonimo videoclip dove combatte sul ring assieme a dei veri campioni di Wrestling. A settembre dello stesso anno durante gli Mtv Digital Days a Torino, partecipa e vince con la squadra composta da Kenzie Kenzei , Nerone e Nitro. A Maggio 2014 è ospite del mixtape ‘Al Centro della Scena Volume 2’ del celebre dj Double S, nel mese di giugno assieme ai colleghi Nazo e Anagogia pubblica l’ep DNA. Nel mese di ottobre 2014 partecipa alla terza edizione del programma Mtv Spit distinguendosi per le tecnicità delle rime e per la forte presenza scenica. Successivamente pubblica l’ep Fuori Controllo, con video estratto annesso “Dove sono i soldi”.
Nel 2015 si concentra sul nuovo disco, pubblica due video: il primo “HHD” e il secondo “A tempo debito”. I due clip sono collegati tra loro, nel primo Debbit è tenuto prigioniero in un'antica rocca, riuscendo poi a liberarsi dalle catene che lo tenevano prigioniero; il secondo ritrae Debbit in fuga in un bosco, con dei loschi individui che lo inseguono. Si accompagnano le attività di produzione con apparizioni live, collaborazioni con colleghi vedi “Non mi manca niente” feat. Riky, pezzo su “Bloody Vynil vol. 2” di Dj Slait (Machete Crew), battle di freestyle (vedi la vittoria all'ultima tappa dell' MTV Spit Tour a Milano) e freestyle esclusivi sui canali social (vedi “Goddamn Flow Freestyle”). Il nuovo disco, “Piano D”, vedrà la luce in marzo 2016 dopo oltre un anno di lavori.