Tracklist

00:00
 
00:00
Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Il mantra è coscienza” – Vasugupta (filosofo e mistico indiano)
“Il mantra è ciò che pensa e salva, rafforzato e nutrito dalla conoscenza” – Abhinavagupta (filosofo, teologo e poeta indiano)

HYST è membro storico del collettivo Blue Nox e tra i rapper più eclettici e poliedrici della scena italiana. Seguendo le orme dei suoi genitori ha fatto dell’arte una scelta di vita, cimentandosi con successo nel cinema, in tv e a teatro come attore, nell’arte visiva come grafico e regista di videoclip, nella musica come rapper e produttore. Si è fatto conoscere negli anni per il suo flow diretto e colloquiale e per l’attitudine al canto, caratteristica che lo ha da sempre contraddistinto nella scena rap e che ha spinto il suo collega e amico Ghemon ad inserirlo come voce di supporto nel suo ultimo tour estivo.
Il nuovo album di HYST è il suo personalissimo “Mantra”, una potente formula sonora spirituale che può trasformare la coscienza richiamando alla luce la parte più evoluta del “sè”, veicolata da un artista capace di essere consapevole e rigido rispetto ai concetti e ai valori che vuole trasmettere, con una eleganza stilistica che non appesantisce l’ascolto accompagnata da una varietà tecnica che non vuole “essere notata”. Il lessico di HYST rifugge dalla seduzione del banale e dalla punchline dall’effetto sicuro, per prediligere l’empatia emotiva con l’ascoltatore. Una presa di posizione radicale per un lavoro profondo in cui l’artista ha voluto raccontare in modo limpido e onesto il suo intento: rimanere veri, limpidi, reali.

Le dodici tracce hanno colori golden age tra suoni classici e sprazzi di modernità con interventi più elettronici, abilmente prodotte da Big Joe, Fid Mella, Res Nullius dei Crazeology, Turi, Amon, Gheesa, Dj Dust, Jason Rader, Cava e in alcuni casi co-prodotte dallo stesso HYST, affiancato al microfono da nomi di primordine del rap italiano come Kiave, Mistaman e E-Green, Willie Peyote, Musteeno, Jesto.

In “Mantra” le due essenze di HYST si rincorrono e si mischiano alla perfezione, in un equilibrio con cui il rapper italo giapponese gioca e convive da sempre: da una parte la fermezza morale di un orientale, dall’altra l’anima verace e spaccona di Roma. Un po’ Yukio Mishima, un po’ Franco Califano.

Credits

Lo si compra qui:
CD: http://goo.gl/xJkV29
iTunes: http://goo.gl/HkOB6p

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • Erica Pitzalis 02/09/2014 ore 10:35 @kikka9286

    scusate io volevo ascoltarlo ma non ci riesco mi spiegate come fare?

  • Monoflow 02/09/2014 ore 10:59 @Monoflow

    Ora è apparso il tasto play accanto, clicca lì

  • Andrea S Tufo 02/09/2014 ore 11:32 @andrea.s.tufo

    Quando il buongiorno si vede dal mattino. Liricamente pazzesco Hyst, merita sto disco come pochi altri l'hanno meritato. ( gran parte di questi fanno parte di U.S. e B.N. )

  • Giuseppe Zagaria 02/09/2014 ore 17:24 @ZellPromeria

    puttana eva entra di botto nell'olimpo dei dischi hiphop italiani

    Finalmente qualcuno che posso definire la mia voce!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati