I Santi Bevitori - Ascolta e Testo Lyrics Un giorno alle poste

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

E me ne resto qui, contando gli attimi,
intanto un vecchio si lamenta.
Fisso su quel display, sempre il numero sei,
mentre io ho il centosettantotto.
Intrappolato come un ratto, sto rassegnato in fila e aspetto,
e un po’ di vita se ne va.
Di colpo un brivido, tre loschi uomini
armati di pistole e rabbia
gridano e fremono, le poste tacciono, e tutti con il muso a terra.
Passamontagna sulla faccia, non lasceranno alcuna traccia,
ma casse vuote e un brivido.
E quindi un balordo mi consegna il sacco,
mi intima: “Secco, tu reggilo aperto, che è meglio per te”
E quanti contanti mi danzan davanti,
la grande occasione che fa l’uomo ladro stavolta è per me.
Ed è deciso ormai che io venga con voi.
Su, avanti, diamocela a gambe.
Il quinto complice ci aspetta in macchina,
bestemmia e grida di sbrigarsi.
Già sogno mari tropicali,
e vaffanculo alle cambiali,
ed al lavoro che non c’è
(Perché?!)
Ma quindi una guardia
-Madonna! Non l’avevo vista... -
mi fa lo sgambetto, così mi cappotto e non mi rialzo più.
Ed i miei compari, con sacco e denari,
son già ben lontani, puntando quei mari
che io non vedrò.

Album che contiene Un giorno alle poste

album Presto verremo alle mani - I Santi BevitoriPresto verremo alle mani
2014 - Cantautore, Folk, Pop rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati