Gianni Venturi Mantra Informatico - Straniero Ovunque testo lyric

TESTO

STRANIERO OVUNQUE

Radice, sequoia, fuscello. La tempesta
Finestra, aperta, seppur vuota.
La strada
Se mi fossi trattenuto in quel denso bacio
Se avessi protratto il contatto
Se avessi espresso un cielo d’amore
Non lacrimerei questo giorno di pioggia.
Ma non era quella l’ora del consolare
Io mi distendo sulla soglia di un passaggio
E ovunque sensibili folate di vento
Sussurra la voce del rimpianto
Non era l’ora dell’abbraccio ne del miraggio
Radice la fragile consistenza inerte
Urla di me la voce eppure c’è un silenzio che tace
Sono affranto danzo controtempo
Come zingaro alla deriva
Ho una roccia nel cuore fattosi pietra
Di te madre ho perso ogni minuto
In questa terra che non mi conosce

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Straniero Ovunque di Gianni Venturi Mantra Informatico:

VIDEO Straniero Ovunque

video frame placeholder

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Straniero Ovunque si trova nell'album Mantra Informatico - of voice and men uscito nel 2018 per M.P. Records.

Copertina dell'album Mantra Informatico - of voice and men, di Gianni Venturi Mantra Informatico

---
L'articolo Gianni Venturi Mantra Informatico - Straniero Ovunque testo lyric di Gianni Venturi Mantra Informatico è apparso su Rockit.it il 2019-06-03 08:48:54

COMMENTI

Aggiungi un commentoavvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussioneInvia