Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione

1. Turing - Alan Turing è stato un matematico, logico e crittanalista britannico, considerato uno dei padri dell’informatica e uno dei più grandi matematici del XX secolo. Egli ideò la macchina ideale e il test che portano il suo nome. Fu anche uno dei più brillanti decrittatori che operavano in Inghilterra, durante la seconda guerra mondiale, per decifrare messaggi scambiati da diplomatici e militari delle Potenze dell’Asse. Omosessuale, morirà suicida a soli 41 anni in seguito a una persecuzione omofobica condotta nei suoi confronti da parte del governo britannico mangiando una mela avvelenata con cianuro, riprendendo la simbologia della favola di Biancaneve e di quella biblica in cui la mela rappresenta la conoscenza e il peccato. La mela morsicata è diventata oggi marchio della Apple.

2. Nom de Plume Boulevard – Due vite parallele. Quella di Greta Garbo e Manuel Puig, il mestiere dell’attore e dello scrittore. L’intreccio di queste vite attraverso la fascinazione per il cinema, i sogni di gioventù e la disillusione della maturità allo sfiorire della bellezza, la nostalgia per la patria rispettivamente Svezia e Argentina e gli affetti, specialmente per Puig nei confronti della madre, da cui non vorrà separarsi per tutta la vita. Un tango immaginario tra genitori e figli.

3. La recessione - Unico brano edito del disco. Testo di Pier Paolo Pasolini tratto da “La meglio gioventù” e musicato da Mino di Martino componente de “I Giganti”, per la prima volta per Alice nel 1992.Di stringente attualità per forza forza profetica e poetica in cui si riconosce la grandezza lirica dell’intellettuale italiano, ucciso in circostanze misteriose.

4. Insetti – La teoria della sparizione delle api di Einstein, uno scenario apocalittico in cui senza una discendenza per impollinazione alla terra resterebbero 4 anni di vita. Un racconto di fantasia, attraverso il ricordo di com’era il mondo nell’era degli insetti.

5. Non voglio far l’amore a Teheran – W. Shakespeare “Parla piano se parli d’amore” Esistono in certi luoghi i reati d’amore. Un dialogo sussurrato tra due amanti iraniani che sognano Parigi , Berlino un occidente in cui la libertà di amarsi senza nascondersi o rischiare la vita è una realtà banale per chi vi è nato.

6. Piano Varsavia – Un pianista si ritrova combattente durante l’assedio al ghetto di Varsavia, impreparato a fronteggiare la crudeltà della guerra, si ritrova ad impugnare un fucile continuando ad avere la musica come compagna, quella che ha suonato, che avrebbe voluto suonare e che non l’ha preparato. Nostalgici momenti di tregua riempiti di sogni, speranze, ricordi.

7. Restiamo umani – Dedicato alla memoria di Vittorio Arrigoni, pacifista e giornalista rapito e ucciso a Gaza per mano di Salafti. Nel brano vi sono citazioni tratte dai suoi diari , una tra tutte il celebre adagio “Restiamo umani” con il quale firmava ogni suo scritto. Grazie a Il Manifesto libri ed Egidia Beretta e Alessandra Arrigoni rispettivamente madre e sorella di Vittorio che ne hanno approvato e appoggiato la pubblicazione, il brano originariamente doveva rimanere un omaggio privato, ma a seguito della loro approvazione è stato inserito nell’album.

8. Tra Cina e Tibet - Un brano ispirato da un reportage, un viaggio in treno tra Cina e Tibet in una terra inospitale, sterminata, una riflessione sulla spiritualità tibetana, sullo sfondo dell’assedio militare cinese, che più che con le armi è riuscito a estirparne quasi radicalmente le tradizioni attraverso l’imposizione dei propri nuovi modelli.

Credits

Line up:

Enrico Fornatto - Chitarre
Exir Gennari - Batteria
Gianfranco Nasso - Basso
Gilberto Bonetto - pianoforte
Cosimo Morleo - voce, programmazione tastiere
Sabrina Pallini - cori

Roberto Maccagno - Mix Mastering
Andrea Rosatelli - Basso in studio


Tracklist:

1 Turing / 2. Nom de Plume Boulevard/ 3. La recessione */4. Insetti/ 5. Non voglio far l’amore a Teheran/ 6. Piano Varsavia/ 7. Restiamo umani (Piombo fuso)/ 8. Tra Cina e Tibet
Testi e musica Cosimo Morleo tranne * (P.P.Pasolini / Mino Di Martino)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati