Descrizione a cura della band

"#ComeQuelliVeri" è il titolo del secondo album registrato e mixato tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 al CrancyStudio di Ghisalba.

Tracklist e piccola spiegazione delle canzoni di "#ComeQuelliVeri":

1- "un lunedì sera a Bergamo"
Questa canzone, scritta nell'aprile 2014, parla principalmente della grande vuotezza che regna tra i discorsi di vari imprenditori della Bergamasca. I quali vedono l'unica via d'uscita alla crisi del lavoro una grande guerra che può far aumentare i prezzi delle materie prime in borsa e far aumentare il lavoro locale. Nella canzone si può notare anche una crisi esistenziale del cantante che trova rifugio negli spritz e nei bellissimi ricordi di quando "bruciava la scuola".

2- "Vecchio Rocker"
Questa canzone, scritta in 10 minuti nel febbraio del 2015, parla di un personaggio, in parte inventato ed in parte esistente.
Della crisi delle piccole realtà, di locali Band, di musica inedita, che meritano veramente e fanno fatica ad emergere.

3- "Nel mio Far West"
È l'Italia dal punto di vista del cantante e la sua infanzia.
si può percepire, fin dalle prime parole, l'influenza che l'America e il sogno americano, ha avuto sulle generazioni degli anni '80 e non solo... (Il suo bisnonno emigro' in America).

4- #ComeQuelliVeri
È la canzone che dà il titolo all'album.
È la voglia di raggiungere l'irraggiungibile. Senza mai perdere la speranza. Ma per farlo bisogna essere sempre se stessi, senza recitare e senza continuare a ripetere che "è troppo tardi per.."

5- "Dare i Numeri"
Questa canzone è una semplice accusa ai tempi moderni, ai social a YouTube, in cui viene viene preso in considerazione solo chi fa i numeri, chi sponsorizza ed, in molti casi, i video demenziale di persone che "danno i numeri"..

6- "Sul mio Divano"
Questa canzone parla della voglia e dell'utopia di cambiare il mondo senza alzare un dito. O meglio, senza alzarsi dal Divano. La canzone le cui strofe sono chiaramente ironiche, si ispira ad un'opera teatrale di Samuel beckett "aspettando Godot".

7- "all'Arrembaggio Cani Randagi"
La canzone più vecchia dell'Album, scritta nel marzo del 2010. Lo si può notare anche dalle sonorità più tendenti al Punk Rock.
La canzone è una sorta di nostalgia dei tempi, mai vissuti, di una volta. Dal movement dei primi anni 60 alla rivoluzione del punk anni 70.
Nel ritornello si incoraggia l'ascoltatore ad essere sempre se stesso.

8- "Gli Orsi"
Finita di scrivere il giorno prima di registrare.
Parla della voglia del cantante di tornare al contatto con la natura. Di lasciar perdere le idee materialiste della società che lo circonda anche utilizzando un po' di fantasia.

9- "Le Palle di Natale"
La canzone parla di quanto abbiamo bisogno di sentirci al centro del mondo solamente avendo cose, utili o inutili che siano, che con il passare del tempo ci scorderemo anche d'aver desiderato; e quanto più la felicità dell'uomo moderno sia sempre più legata all'avere e non all'essere.

Credits

i PALINKA sono:
Andrew Piccoli - Voce, Basso, Armonica, Kazoo, Pianoforte.
Nicola Macetti - Chitarra solista, Chitarra acustica, Cori.
Michele Maifredi - Chitarra, Cori.
Jacopo Finazzi - Batteria, Cori, Legni, Secchi di metallo.

Special Guest:
Gianky: Armonica (nel mio far west)
Andrea Manenti: Cori e Verso dell'orso (un lunedì sera a Bergamo, Gli Orsi, Come quelli Veri)
Agata: Battito Cardiaco (intro Come quelli veri)
Dario Campana: Cori, Registrazione e Mixaggio. (Un Lunedì sera a Bergamo, le palle di Natale, Come quelli veri)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati