Descrizione a cura della band

Interamente registrato a Napoli, da Rosario Acunto presso il Sanità Music Studio, l’album propone tradizione e attualità, tradizione e nuova canzone d’autore nella sintesi etno-jazz world-music realizzata dal contrabbassista ed arrangiatore Nicola Scagliozzi, che ricorda >.
Infatti a brani storici della tradizione garganica rivisitati e non, si affiancano gli inediti scritti per Roberta dal cantautore sanseverese Nazario Tartaglione, a caratterizzare il progetto discografico nella fusione di dialetto ed italiano, territorio ed attualità. “Proverbi paesani” è invece il brano che segna il ricordo di Matteo Salvatore,
figura centrale anche in “Sone ancore”, dichiarato omaggio al cantore della sua città, che ispira il titolo dell’album e di cui Roberta dichiara . La cantante decide di chiudere l’album con lo splendido ed immancabile omaggio alla amata Calabria “Mi partu di luntanu”, rivisitazione di una serenata d'amore tradizionale calabrese.

Credits

Un viaggio nell’animo e nella storia del Sud quello di Roberta Palumbo, tra vicende e leggende popolari, passate per l’attualità e gli occhi d’America del jazz di Scagliozzi, affiancato dai talentuosi Nando Luceri al pianoforte e da Emanuel Castelluccia alla batteria.
Ma numerosi sono gli ospiti che hanno regalato un sapore davvero esemplare a questo disco, per le diverse provenienze e per le svariate radici artistiche e che ci piace ricordare:
GABRIELE ALBANESE Polistrumentista, ANTONIO AUCELLO Sassofonista, TOTO TORALBO Cantautore, SOSSIO ARCIPRETE Chitarrista, RAIMONDO ESPOSITO Trombettista, GIUSEPPE SAPONE Cantante, NICOLA
SCHIAVONE Percussionista, FRANCESCO MONACO Pianista, FEDERICO SCARABINO Chitarrista, ANDREA STUPPIELLO Batterista

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati