Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione a cura della band

Dalla collaborazione tra Viceversa Records e Old Bycicle Records arriva l’esordio di Silent Carnival con l’album omonimo “Silent Carnival”. Marco Giambrone (già noto per aver calcato i palchi d’Italia con Marlowe ed aver prestato la sua chitarra all’esordio di Nazarin) si avventura in un percorso artistico elaborato, incisivo e di rara eleganza. Un album pressoché strumentale in cui le 9 tracce si susseguono in un amalgama translucido di note e immagini rubate alle mura di una casa antica nelle campagne siciliane (dove l’album è stato registrato con lo studio mobile L’Argent di Carlo Natoli, anche produttore artistico del disco). I brani catturano l’attenzione e trascinano in un ascolto umorale e viscerale, come un treno che non deve fermare in nessuna stazione, un’autostrada verso il nulla o semplicemente un pomeriggio passato ad ascoltare la pioggia. Il disco è stato scritto lasciando fluire le idee senza porre dei limiti di tempo o di stile e senza pensare per forza al “formato” canzone. Tempi dilatati, canzoni circolari, ampie progressioni strumentali, umori oscuri, stratificazioni. Ma anche spazio per delle melodie che affiorano e poi svaniscono tra i drones e il silenzio. Su tutto emergono il suono del Farfisa, le chitarre riverberate e minimali, le percussioni cupe e marziali. I preziosi interventi del violoncello di Andrea Serrapiglio della viola di John Eichenseer alias JHNO e del sax di Gianni Gebbia.
L’album viene anticipato dalla pubblicazione di un brano outtake, June, e del suo video nel mese di Agosto 2014

Credits

SILENT CARNIVAL è:
Marco Giambrone: voce, chitarre, organo, percussioni, synth, loops, chamberlin, wheel, cracklebox, fiddle

Compagni di viaggio:
Alfonso de Marco: percussioni, basso, cori
Caterina Fede: organi, synth, balalaika, chimes, voce
Carlo Natoli: banjo su “Existence” e dulcimer su “Gare du Nord”
John Eichenseer: viola su “carrying the fire”
Gianni Gebbia: sax alto su “crying dance”
Andrea Serrapiglio: violoncello su “June” e “It’s not real”
Salvo Ladduca: cori su Existence, Gare du Nord e Restless love
Giuseppe Cordaro: Electronics, chitarre, synth su “A process” – nebulophone, effects su Existence -
Luca Sciarratta: tapes su “Gare du Nord”

Produzione artistica: Carlo Natoli
Registrato nel silenzio di una casa di campagna nel cuore della Sicilia (Racalmuto) grazie a L’Argent studio mobile di Carlo Natoli.
Mixato e masterizzato da Carlo Natoli presso Phantasma – recording and production studio (Ragusa)

Graphic layout: Marco Giambrone
Paintings: Marco Giambrone

Commenti (1)

  • Sand Sand 07/10/2014 ore 16:36 @SandroSala

    interessante... un po' troppo uniforme... ben registrato... tristanzuolo.... ma il mio voto (per quello che può contare) è 7e1/2

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati