Tozaca - Ascolta e Testo Lyrics Due

Brano

00:00
 
00:00

Credits Due

Eugenio Tomeo: batteria, armonica e cori - Manfredi Zaccaro: basso e cori - Gerardo Cauti: voce, chitarre, pianoforte, flauto dolce, santoor, theremin e cori

si ringrazia infinitamente per l'amichevole partecipazione

Leonardo Cacciani: chitarre - Filippo Fattorini: violino
Valentina Valeri: voce - Stefano Costantini: tromba
Camilla Spataro: flauto traverso
Eva, Nadia, Manuela, Alessia, Manuel e Gianluca per i cori su "Cyborg"
tutta la classe seconda O dell'istituto comprensivo Via Laparelli 60 per i cori su " 1.30 Onda Polar"
e i professori Rocco De Rosa e Marcello Di Giacomo.
Grazie a Ettore: voce su "Due"

Prodotto da Manuel Santilli e ToZaCa
Registrato presso gli studi
Helikonia di Roma

Settembre 2013 - Marzo 2014

Testo della canzone

Potrei costruirmi una stazione, un podio, un astronave
per rimanere qua...( non per partire, per restare!).

Fatta d'ogni pietra o materiale che possa scintillare, che
possa garantire, che possa perdurare ( insomma),
per rimanere qua... Qua...Qua...Qua!

Ma all'improvviso, si gira tutto cade il tetto e anche il
soffitto
Vorrei il tuo viso, per farmi divorare, per farmi divorare, per farmi divorare...
Per farmi divorare...

E quindi si ritorna la.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati