Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione a cura della band

. Il punto forte di “Taedium Vitae” è che ha una sua personalità all’interno del mare musicale nel quale viviamo oggi, riesce sia ad essere estremamente originale e sperimentale, sia ad evidenziare senza indugio le radici solide dei generi da cui provengo. Se “A Sua Immagine” non era né carne né pesce, al contrario stavolta si è moltissime cose senza affanno, una creatura che trasfigura sé stessa con estrema naturalezza. I pezzi non sono nati da un bricolage di riff sparsi, bensì dal continuo sviluppo di una melodia di partenza. Tutti i riff sono stati scritti conseguentemente partendo da quello iniziale di ogni pezzo arrivando al suo finale, un ciclo compiuto.
Il vero emergere di Unalei sarà, per alcuni, aspetti dopo questo album, “Taedium Vitae” non guarda solo l’abisso oscuro, ma ci si getta a braccia aperte.

Credits

Federico Sanna: Tutto;
Federico Petitto: Basso;
Ana Vega Escarpa: Voce e testo ne "La Vuelta Estéril"
Alfonso Corace: Solo di chitarra ne "La Bellezza Inedita".

Il disco è stato pubblicato il 3 Agosto per la "Club Inferno ent.", sub-label della MyKingdom Music.
La produzione del secondo lavoro, intitolato “Taedium Vitae” è giunta al termine, si tratterà di un full-lenght di otto tracce di varia durata. Il tracking è stato effettuato, come già in “A Sua Immagine” da Daniele Pensa, membro degli “Oblivio”, mentre il mix e il mastering sono stati totalmente affidati ad Alfonso Corace ( che opera un virtuoso solo di chitarra sul brano numero 7), che alcuni conosceranno come batterista nei “Lunarsea” e recente new entry negli “Airlines of Terror” con Giuseppe Orlando. Lo stesso Orlando ha operato spontaneamente un breve, ma decisivo intervento nel mixaggio della batteria del lavoro.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati