We Are Water
Video
0
Articoli
0
Concerti
0

Descrizione

I AM

I am the pestilence that screams deep inside your head.
The more you try to kick me out, the more i will come back.
I am the other part of you, the worst a man can have.
I've been watching you and laughing while you fucked that little girl.
I' m the psycopath, the maniac, your bloody and naughty soul.
I have been sleeping and dreaming, wishing something more.
But now i know that this time she unlocked the door.
She knows, you know, I know this time has come.

You know is not just simple sex, you know is much than love.
Admit it, you won't leave her, you won't stop from beat her more.
And finally I made it, i found someone to love.
And I will take away from you the only one who let me out.
And I will kill her and I will rape her and there is nothing you can do.
Because you know, you know, you know that I am you.

--- --- --- --- --- --- --- --- --- ---

ARGUMENT WITH THE DEMON

(You will not share your power with no one)
I will not share my power with no one.
(No you will not, you are a good boy... Now say with me:
I will not share my power with no one)
I will not share my power with no one.
I will not - let anybody touches her.
She is mine - I'll close her in a crystal glass.
No one can - fuck her till I am alive.
And I promise - that I will not betray myself.
(Good boy, this was exactly what i wanted to ear from you.
Now repeat with me: I am weak.)
I am weak.
(I need you)
I need you.
(You are my force)
You are my force, I have no memory and no remorse.
If you're with me I'll be cruel as much as I can.
I know I'm sick, but it's the only way to be not like them.
I live alone, this motherfucking world does not belong to me.
I cannot live following the rules that an insane priest,
a cluster of blind men who hate themselves
have established for their personal failure.
And I will not share my power with no one else.
Fuck you, I don't want you here.
Please stop.
Get the fuck away from me.

--- --- --- --- --- --- --- --- --- ---

MATER MORBI

Era il veleno.
Ogni parola che usciva dalla Sua bocca era il veleno.
E non lo sapeva nemmeno Lei.
Come Mater Morbi, la madre delle malattie, così potente, eppure cosi profondamente sola.
Perchè la Guerra, il Male, la Morte, avevano avuto da sempre i propri seguaci ed ammiratori,
stuoli di servitori fedeli e folli.
Ma Lei era la Malattia.
Chi mai avrebbe potuto amarla?
Chi mai avrebbe voluto abbracciarla?
Chi mai avrebbe desiderato COMPATIRLA?
Dovunque andava portava la distruzione.
Così potente, eppure così fragile,
il Suo unico errore era stato quello di non amare se stessa,
l' unica che sempre ci sarebbe potuta essere.
Sola nella Sua solitudine, respinta da tutti, era costretta ad attirare gli altri con l' inganno,
un dolce veleno che corrodeva lentamente il corpo e l' anima di chi ne restava incantato.
E chi, dopo aver strenuamente lottato per sfuggire alla Sua insaziabile sete di potere, di controllo,
chi riusciva a scappare dalle Sue viscere, non sarebbe stato mai più lo stesso.
Mai più.
Il ricordo della Sua stretta mortale lo avrebbe perseguitato per sempre...
Avrebbe vissuto cercando e riconoscendo nei volti degli altri gli occhi che avevano ceduto al Suo veleno,
occhi ciechi, menti soggiogate, e nessuno dei suoi avvertimenti avrebbe potuto salvarli.
Sarebbero diventati il suo orribile banchetto.
Lei era la Malattia.

--- --- --- --- --- --- --- --- --- ---

THE CAGE

I'm working really hard to build that cage,
I'm working really hard and you will be trapped.
I'm working really hard to build that cage,
I'm working really hard and you will be caged.
I'll crash with my hammer all your fingers.
I'll crash with my hammer all your bones.
The driller is running inside your head.
The driller is reaching almost the brain.
But you don't have to die my dear Mary.
Because you have to face all my fury.
But you don't have to die my dear Mary.
Because you have to deal with al this pain.
It takes this much to love you, and you should know.
It's not my fault, i have to, so let's go.
I'll tie your fists to this chair, I'll watch your tears.
I'll wisper that i love you in your ear.
My love you know tomorrow you will be dead.
And I know you love the idea to do not breath.

--- --- --- --- --- --- --- --- --- ---

JACK AND HIS GIRL

Jack and his girl were having sex that night.
He was beating her with growing fury.
The air was hot and heavy, it was difficult to breathe.
He started to find pleaseant the sensation of lustful control that he' d been imposing her since few weeks.
Since something strange started to talk into his head.

"Hey Jack! I know what you really want... I know you would dive that fucking knife along her chest...
I know you feel the blood pushing trough the veins.
Please Jack, set me free.
Set me free Jack."

Suddently jack lost control over his mind and over his actions.
He realized that his girl was screaming and slowly her pleasure was turning into pain.
He felt there was something really wrong about all this story.
He looked his hands twisting across her neck and squeezing out the brain from that poor girl.

"Be careful Jack, you'll kill her!
And we need her alive! Remember? you want to hear she screaming! You want to bath your hands in her blood!"
Jack tried and tried to reject the voice, but she was stronger.
He was desperate and tears started to run across his face.
By now that little girl was choking, and the force that was holding her throat didn't want to stop.
Jack was imploring, sinking in a river of tears.

"You are disgusting me Jack.
Look at you, you are crying like a little baby!
You have not the force enough to finish this fucking job.
You make me sick."

He felt growing pressure into his chest, like there was something pushing hard to escape.
A sharp pain threatened to drive him crazy.
A river of blood washed the bed and the girl, that now had passed off. dark hands were coming out from inside his chest.
And with a last, painful scream, Jack died.

"I told you Jack.
You should have listened to me.
I told you that i would have taken away the only one who would make me out.
She is mine now.
And you are dead.
I loved you.
You should have loved me.
I was ready to be your friend."

--- --- --- --- --- --- --- --- --- ---

THE SADIST

Mary I just came to say hi.
I just want to live by your side.
There's no one to love you in this world.
Everyone here left you alone.
Neither your boyfriend could,
love you as much I can do.
Mary I just came to say goodbye.
Now that I am free you have to die.

And if you try to escape, I have to kill you.
Now that you are in my hands.

No one here knows how i feel.
The place where i came from is hell.
The only thing I know is to give pain
There's no one here to understand me.
But I feel there's something inside you.
And I have to take it out from you.

Your body is just a fence to me.
I'll kill you to take it away.

So I'm going to cut down your chest.
And you will feed me with your pain.
When the last drop of tear is gone from your eyes,
I will put my hands in you.

There is just this body that i pull out.
It does not resemble me at all.
It is bloody and red and screams for fear
and we two are drowning into tears.
I'm just a sadist, now i know.
I'm an idiot, I will die alone.
I was looking for someone to understand me.
But I'm just an idiot...

So I'll put your head under my shoe
and I'll crack your fucking brain.

--- --- --- --- --- --- --- --- --- ---
Sweet Love

Jack era sempre stato un ragazzo normale.
Silenzioso e solitario, ma nulla più.
Ogni tanto anche a lui capitava di pensare, quei pensieri malsani, da cui siamo abituati a scappare e che siamo soliti allontanare qualora si dovessero avvicinare più del dovuto.
Dentro Jack albergava un mostro. Un demone.
Shonar era il suo nome.
Shonar spiava Jack da anni ormai, conosceva le sue abitudini, i suoi desideri più intimi e profondi. Si può dire quasi che il demone fosse lo stesso Jack, per quanto erano simili.
Shonar dormiva sepolto sotto il pesante macigno che noi tutti chiamiamo coscienza.

Era dormiente mentre Jack viveva la sua vita, intrappolato al suo interno da poco più di vent’ anni.
Dormiva anche durante il suo primo incontro con quella giovane ragazza, Mary. Mentre dormiva, Egli sentiva, percepiva il mondo esterno, e sognava, non diversamente da tutti noi esseri umani..
Seguiva il ragazzo, pur rimanendo nel suo stato di quiescenza, vegliava su Jack come un angelo oscuro, tramando alle sue spalle.
Shonar aveva fiutato qualcosa in Lei.
..L’occasione della sua vita.
La possibilità di riuscire a scappare, di venire fuori da quella gabbia ch’era il corpo di Jack, quel mondo scuro e ovattato nel quale era relegato.
Mary era diversa dalle altre. Non aveva eretto nessuna protezione contro di lui, nessuno schermo, lo lasciava libero, lo stuzzicava, lo provocava.
Shonar sentiva che stava diventando sempre più forte, ed incuriosito dall’atteggiamento impertinente della ragazza iniziò a comunicare con Jack da quel mondo oscuro nel quale era assopito.
Iniziava a manipolarlo dall’interno.

Col passare del tempo Jack diventava sempre più violento.
E Mary lo lasciava fare.
Ma tutto ciò contribuiva esclusivamente ad alimentare l’ incredibile desiderio di libertà che corrodeva il demone, ed di questo circolo di potere senza fine, Jack era il burattino, strattonato da una parte da Shonar
e dall’ altra da Mary.
Ella era più simile al demone di quanto riuscisse ad immaginare.
E Shonar ne era sempre più eccitato.
Sentiva che in lei c’ era qualcosa di corrotto, che nessun uomo aveva realmente il potere di controllare.
Decise di appropriarsene, pur conoscendo il prezzo da pagare per il suo egoismo.

La sanità mentale di Jack iniziava a vacillare, dal momento in cui le voci avevano invaso la sua testa egli era un uomo diverso.
Non aveva la forza di combattere, si lasciava trascinare da quell’ onda di violenza che lo pervadeva dall’ interno ma che lo faceva sentire sporco, marcio.
Ogni schiaffo che le affibbiava, ogni frustata, ogni volta che la feriva, ogni volta che la baciava e sentiva in bocca il sapore ferreo del sangue che per colpa sua le sgorgava dalle ferite, Jack impazziva.
Implorava la voce di abbandonarlo, gridava che non era questo quello che voleva..
Mentiva.
Sapeva di mentire.
Lui bramava quel sangue. Ardeva dal desiderio di sentire quelle urla intrise di dolore.
Jack voleva essere un demone.
Ma non ne aveva il coraggio.
Fu così che impazzì.

Shonar fu percorso da un brivido intenso quando capì di essere riuscito nel suo intento.
Stava vincendo.
Tutti erano caduti nella sua trappola, in quella sorta di gabbia che stava costruendo.
Avrebbero finalmente imparato che a giocare col fuoco ci si brucia.
Che resistere ad un potere innato, ai desideri ancestrali che pervadono l’ uomo, che MENTIRE a se stessi è soltanto una strada che porta all’ autodistruzione.

Shonar prese il totale controllo del corpo di Jack.
Le mani si avvinghiarono attorno al collo di Mary.
Stavolta non si fermarono neanche davanti alle sue lacrime.
Mary svenne.
Jack, in lacrime, implorava come un bambino.
Shonar, disgustato da quella visione, decise di uscire.
Squarciò il petto di Jack e finalmente
Finalmente
finalmente
l’ aria sfiorava quelle mani oscure
Jack cambiava pelle.
Shonar era libero.

Trascinò Mary per miglia ed ore, forse pochi secondi, forse secoli. Ogni passo era un orgasmo.
Lacrime gli solcavano il viso.
Era impaziente. Era solo. Fuori dal mondo.
Odiava gli umani. Erano creature folli. Creature orribili ed orribilmente stupide.
Non riusciva a comprendere il loro desiderio di autodistruzione, la loro continua voglia di zittire quegli istinti che covavano nel fondo dell’ anima.
E lui era solo.
Ma ora aveva il potere. Ora era libero e tra poco non sarebbe stato mai più solo.
Le mani tremavano dall’ eccitazione mentre tagliavano la carne della ragazza.
Il tempo si fermò.
Aveva trovato quello che cercava.
Tirò fuori dallo stomaco di Mary qualcosa.
Le lacrime ripresero a scorrere. Il cuore del demone si fermò.
Lei non era ancora pronta. Forse non lo era mai stata.
Quella che aveva strappato fuori dal suo corpo non era una creatura che potesse chiamare sua simile.
Era un feto rosso e sanguinolento che gridava dolore, odio e disprezzo al mondo e si agitava e gemeva..
E Shonar annegava.
Annegava in un oceano di lacrime di fuoco.
Annegava e sprofondava nella consapevolezza della sua stupidità.
Aveva rischiato troppo.
Non aveva saputo aspettare.
Era nato solo e solo sarebbe morto, ripudiato anche dall’ unica che gli aveva permesso di uscire.
Con l’ inferno che bruciava nelle sue viscere,
Shonar pose la testa di quell’ oscenità sotto il piede.
Schiacciò con rabbia.
Buio.

Credits

Paolo Infurna - Drums, Guitars, Bass, Synth, Piano, Vocals, Recording, Mixing, Master

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati