Abetito Galeotta - Ascolta e Testo Lyrics La città delle torri cadenti

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Non mi cercare sono lontano
corro sui resti di un ponte romano
so di sognare corro più piano
dietro le Stelle faccio cucù.

E’ la città delle torri cadenti
gelosi frammenti di un tempo che fu
dove Ventidio cullato dai venti
seduto sui merli sorride lassù.

Ce veleme penzà? sogna dacce da fààà!
Che tu tiè nu tesore beneditte asculà!
Nen lu stà a recheprì se l’je state a scavàà!

Cecco, Crivelli e Licini
svegliandosi chiedono più dignità
che senza olive, Allevi e cremini
sicuramente faremmo pietà.

Salto nel cielo sopra le case
odo nell’aria cantare le fate
ora le vedo provo a ballare
ma come neve rotolo giù.

Sul travertino di un grigio severo
come gomitolo rotolo giù
non ricordavo che in questo emisfero
esser bambino non conta già più.

Nen ce pozze penzà! Che trestezza cumpààà!
Che ‘stu bielle Picene lu stà a sfascià
Ma li faule no.. lasceteli stàà!

Angeli, diavoli e fiabe
sono perduti nella realtà
per ogni goccia di Storia c’è un mare
che i Sibillini conoscono già.

Tra rue e vicoli l’impossibile passerà…
troverà porto al chiostro di S.Agostino
mentre al caffè Pino concede un inchino
sotto una luna volgare l’eremo segue a brillare.

Non mi cercare sono ascolano
voglio restare sul ponte romano
per ammirare sull’altopiano
timide Stelle fare cucù.

E’ la città delle torri cadenti
gelosi frammenti di un tempo che fu
dove Ventidio cullato dai venti
seduto sui merli sorride lassù.

Ce veleme penzà? Ma che ce vuò fààà!
Ma ‘stu rattattù lu vuò recapà
Pievicceca mbuò, faceme demàà!

Cecco, Crivelli e Licini
svegliandosi chiedono più dignità
che senza olive, Allevi e cremini
sta papparozza nen pozze cantà.

Album che contiene La città delle torri cadenti

album Bagaglio a mano - Abetito GaleottaBagaglio a mano
2010 - Cantautore Indipendent rec.
Guarda il video Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati