Absent - Ascolta Il grande vuoto

Brano

00:00
 
00:00

Descrizione Il grande vuoto

:absent. sonorizza Il Regno Animale presentazione “Mi è stato chiesto di pensare al progetto di sonorizzazione per alcuni reading di presentazione del libro quando questo non era stato ancora finito e quindi senza sapere di cosa si sarebbe effettivamente parlato. Conoscevo bene solo “l'autore” e quindi l'ispirazione mi è arrivata più che altro dal titolo e da quello che conosco io di Francesco. Ho iniziato un lungo lavoro di ricerca, attingendo soprattutto a documentari, per cercare quei field recordings che nella mia idea avrebbero dovuto essere l'elemento principale delle sonorizzazioni. Sono rimasto affascinato da un filmato di balene e da come il loro canto fosse moderno e “riciclabile”. Mi piaceva il fatto di accostare la “voce” animale alla voce umana e quindi alla ricerca documentaristica ho voluto affiancarne una più reale, che sono andato a cercarmi in giro per Milano, rubando voci, rumori e tutto quello che sentivo. Ma se in un primo momento pensavo che per accompagnare il reading potesse essere sufficiente un lavoro di editing di queste due componenti, ho capito molto presto che non mi bastava. Questi cinque-sei loop di mondi lontanissimi tra loro (il canto delle balene assieme al Nordest Caffè, i pinguini con Corso Como 10 ecc. ecc.) mi hanno fatto tentare la stessa strada anche sul fronte della strumentazione musicale. Mi sono ritrovato quindi ad accostare elementi estremamente moderni (max msp, reaktor, ableton live ed altre diavolerie) ad altri estremamente “vecchi” come un piano Rhodes quasi rotto, una melodica giocattolo e tanto altro.Lavorando a strati cercavo di accostare suoni che pur essendo molto distanti in qualche modo si attraessero. Non è stato difficile perché gli accostamenti venivano naturali, i “suoni” animali chiamavano quelli delle macchine creando un insieme che poco alla volta diventava unico. Dopo aver letto i primi stralci del romanzo mi è poi venuta in mente la fantascienza, i suoi classici (Blade Runner, 2001 il pianeta delle scimmie, L'uomo che cadde sulla terra ecc.). questo ha dato il la alle parti melodiche dei brani: leggevo di signore dei piccioni, di ragazzini perduti, di Quarto Oggiaro, di cantieri che spazzano via ricordi e pensavo che non si discostassero poi tanto dai mondi raccontati in quelle pellicole. Sono venute fuori così otto composizioni che rappresentano l'incontro di tutto questo. La voce di Francesco, il suo suono, quello che leggeva, legavano perfettamente con le mie musiche dando al tutto un significato denso di umori molto psichedelici, claustrofobici, lunari, dark e in qualche modo drammatici. Durante i reading ho capito che quelle composizioni, nate per stare in sottofondo, avrebbero potuto assumere un ruolo da protagoniste e diventare, a loro volta, un progetto a sé. Così ho deciso di provare ad invertire i ruoli: la voce si è ridotta al minimo (una frase o poco più per ogni brano) e la musica si è allargata... le batterie, i violini, i fiati sono comparsi in mezzo agli animali, alle persone, alle macchine e hanno sostituito l'importanza che inizialmente avevano le parole. E’ stato bello accorgersi le parole potevano essere sostituite da una parte di batteria, di violoncello. Così è nato questo disco che fatico a catalogare: non so se sia un disco di musica elettronica, ambient, folk.  C'è un forte richiamo alle nuove tendenze elettroniche certo, ma in mezzo ci sono i tamburi scozzesi, c'è la lezione di Brian Eno e tutta la musica minimale che si fonde ai rumori dei cantieri dell'expo in costruzione". :absent./Ettore Bianconi

Album che contiene Il grande vuoto

album Sonorizza: Il Regno Animale - AbsentSonorizza: Il Regno Animale
2011 - Electro

Playlist con questo brano

@giacomoforte (2 brani)  
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati