Agghiastru - Ascolta e Testo Lyrics la Stanza

Brano

00:00
 
00:00

Descrizione la Stanza

LA STANZA Era spento quel sole, sulle mani splendeva dove la colpa intrisa all'amore, germogliava ferite strane. Era vuota la stanza, in attesa anche il vento e c'era pure del sangue il silenzio, sussurrava al tuo cuore una danza. Era sporco quel viaggio, conduceva in un mare dove il peccato dipinto di bianco, sembrava non voler mai naufragare. Era lenta la pioggia, sui tuoi occhi scendeva e c'era il rosso sporcato di rosso che veloce sul tuo ventre marciva. La tua stanza colma d'orgoglio, neanche il vento osava più entrare, la mia mano afferrata la lama squarcia e macchia lavando l'onore. Perduto in quel mare. © 2007 INCH Productions All Rights Reserved

Testo della canzone

Era spento quel sole,
sulle mani splendeva
dove la colpa intrisa all'amore,
germogliava ferite strane.

Era vuota la stanza,
in attesa anche il vento
e c'era pure del sangue il silenzio,
sussurrava al tuo cuore una danza.

Era sporco quel viaggio,
conduceva in un mare
dove il peccato dipinto di bianco,
sembrava non voler mai naufragare.

Era lenta la pioggia,
sui tuoi occhi scendeva
e c'era il rosso sporcato di rosso
che veloce sul tuo ventre marciva.

La tua stanza colma d'orgoglio,
neanche il vento osava pi? entrare,
la mia mano afferrata la lama
squarcia e macchia lavando l'onore.
Perduto in quel mare.

Album che contiene la Stanza

album Incantu - AgghiastruIncantu
2007 - Cantautore, Dark INCH Productions, Audioglobe
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati