Leggi la recensione

Descrizione

Venerdì 20 novembre esce “ERESIE” il nuovo progetto discografico del cantautore bresciano Alessandro Sipolo (Fasolmusic.coop), un album realizzato con la collaborazione di grandi firme del panorama musicale italiano e caratterizzato dalla contaminazione tra diversi generi.
«”ERESIE” – racconta Alessandro Sipolo - è un crogiolo di mondi musicali, un affresco d’esistenze controcorrente. Muovendo dall’etimologia della parola “eresia” (dal greco “scelta”) ho provato a ragionare sulla necessità di approfondimento e disobbedienza, in un periodo storico, il nostro, nel quale l’esigenza di velocità e sintesi tende a rendere ogni riflessione estremamente superficiale. Dal punto di vista musicale c’è certamente una maggiore influenza rock ma, in continuità con l’album d’esordio, resta la volontà di spaziare tra i generi senza incasellarsi in una determinata nicchia cantautorale.»
“ERESIE” è composto da 11 tracce, scritte da Alessandro Sipolo (testi e musica), che si muovono tra diversi generi, dalla rumba al country, dalla samba al rock-blues, in una varietà di suoni e di mondi in cui ogni pezzo presenta il vestito musicale più adatto ai contenuti espressi.
Registrato da Taketo Gohara e co-prodotto da Giorgio Cordini, il nuovo lavoro vede la partecipazione di musicisti importanti quali Ellade Bandini, Alessandro “Finaz” Finazzo (Bandabardò), Alessandro “Asso” Stefana e Max Gabanizza.
Questa la tracklist di “ERESIE”: “Eresie”, “Gagiò Romanò”, “Le mani sulla città” con Alessandro “Asso” Stefana, “Tra respirare e vivere”, “Dannata”, “Arnaldo” con Alessandro “Finaz” Finazzo, “Denoda”, “Saintes Maries”, “Cresceremo anche noi”, “Comunhão Liberação”, “Alla sera”.

Credits

Alessandro Sipolo è nato a Iseo nel 1986 e vive a Brescia. Laureato in Scienze Politiche e Scienze del Lavoro, specializzato in Gestione dell'Immigrazione, lavora per il Servizio di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati ed è collaboratore dell'Osservatorio sulla criminalità organizzata dell'Università degli Studi di Milano, fondato e diretto dal Professor Nando dalla Chiesa. Nel 2013, dopo un anno di lavoro e viaggio tra Cile, Bolivia, Argentina e Perù, rientra in Italia e pubblica il suo primo album "Eppur bisogna andare", prodotto da Giorgio Cordini, storico chitarrista di Fabrizio De André. Il disco, concept album sul tema del viaggio e della prosecuzione ai tempi della crisi, vince il premio Beppe Gentile 2014 come migliore album d'esordio e consente al cantautore di aprire concerti di grandi band quali BANDABARDO', GANG, LUF, trio Arcari-Bandini-Cordini. A novembre 2015 è prevista l'uscita del secondo album, prodotto con la collaborazione di Giorgio Cordini e Taketo Gohara.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati