Leggi la recensione Video in questo album (1)

Descrizione a cura della band

Alì non prende il nome dal leggendario pugile americano. Alì è semplicemente un cognome. Il cognome di Stefano.

Classe 1978, nato a Catania e cresciuto a Siracusa, da qualche anno “rifugiato” in un monolocale a Belvedere (frazione di Siracusa a pochi km dalla tomba di Archimede), fino a qualche mese fa Stefano vendeva fiori. Nei primi mesi del 2011 inizia a stilare i brani de La rivoluzione nel monolocale; la cifra stilistica è legata al metraggio della casa in cui vive: intima, calda e precaria. Nove brani inediti e una cover di Paolo Conte.
La complessa semplicità delle sue storie arriva dritta al cuore, come fosse un piccolo Carver siciliano. Il tutto fra occhi bassi e sogni, Wilco e Gin Lemon, colloqui andati a male, cd masterizzati dei National, curricula sempre più lunghi e aspettative sempre più corte. È completamente fuori moda, quindi semplicemente perfetto, come la sua Panda bianca di fine anni 80 senza finestrini elettrici. Caldo e intenso come un Nero d’Avola. Il Nero d’Avola de la Vigna Dischi.

"La rivoluzione nel monolocale" vanta la produzione artistica di lorenzo Urciullo (Colapesce, Albanopower) ed è stato registrato e mixato da Toti Valente al Vertigo Studio di Siracusa (esclusa la traccia numero 1 registrata e mixata da Salvo Minnella presso l’Arsonica Studio di Siracusa).
Nel disco hanno suonato gli amici: Lorenzo Urciullo, Roberto Cappellani, Valerio Vittoria, Giuseppe Sindona, Carmelo Amenta, Pietro Giunta.

Credits

Testi e musica: Stefano Alì, eccetto 'Il miglior sorriso della mia faccia (Paolo Conte).
Produzione artistica: Lorenzo Urciullo (Colapesce / Albanopower).
Registrato da Toti Valente presso il Vertigo Studio (Siracusa) e da Salvo Minnella presso l'Arsonica Studio (Siracusa).
Mastering di Andrea Suriani presso l'Alpha Dept. Studio (Bologna).

Commenti (14)

Carica commenti più vecchi
  • William V. Wilson 12/01/2013 ore 10:48 @williamwilson

    Grande, Alì !!! Quando ti serve una spalla, chiamami !!!

  • mingus 14/01/2013 ore 23:06 @mingus

    un gran disco che non deve niente a nessuno. belli i testi, gli arrangiamenti e le composizioni. complimenti sinceri.

  • lucy 20/01/2013 ore 14:18 @lucy

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ujfj_JShpRA

    COME SI FA UN PEZZO INDIE - YouTube

    VIDEO INDIE, FATTO IN MANIERA INDIE DI UN BRANO REGISTRATO IN MANIERA INDIE DOVE VIENE SPIEGATO COME SI FA UN PEZZO INDIE

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=ujfj_JShpRA

  • giorgiofadda 21/01/2013 ore 09:56 @giorgiofadda

    purtroppo lucy ha ragione. non stiamo certo parlando di brutta musica, però ci vorrebbe un pò più di coraggio. i testi sono cose già sentite, e musicalmente è un disco insipido.

  • confusionissexy 22/01/2013 ore 14:11 @confusionissexy

    molto molto interessante, piacevole all'ascolto, rilassante. fortunatamente non c'è traccia evidente di colapesce, a parte nella collaborazione. good!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati