Gli Amari sono una band oramai storica della recente scena italiana, hanno attraversato gli ultimi quindici anni di musica indipendente continuando a cambiare suono e forma, metabolizzando nel tempo nuovi suoni ed vecchie scoperte, continuando ad affinare la loro personale visione della musica pop. Nati come duo durante la seconda ondata Hip Hop italiana (nel '97, con l'album assieme ai 21, "Contingente") Dariella e Pasta crescono così in fretta da dover cambiare subito guardaroba, chiamare a raccolta Cero al basso ed il dj H.C. Rebel ai giradischi, e gettare le basi per quello che saranno poi gli Amari così come li conosciamo (con l'album "Corporali", 1999). Vincono nel 2000 la partecipazione ad Arezzowave e pubblicano nel 2002 "Apotheke" per Ondanomala, etichetta figlia dello stesso festival, registrato a Città di Castello dove incontrano il loro futuro producer Leonardo "Fresco" Beccafichi. La band si allarga, arrivano Marcopiano alla chitarra e tastiere, e Carletto Barackus alla batteria, e nonostante la formazione "rock" gli Amari si concedono l'ennesimo colpo di testa: "Gamera" (2003) esplosivo cocktail a base di rap underground, chitarre folk ed elettronica d'assalto. 2005, dopo tre anni di lavorazione esce "Grand Master Mogol" il disco che contiene i singoli "Campo Minato", "Conoscere gente sul treno" e "Bolognina Revolution" (e relativi, coloratissimi video girati da DanXzen); l'album prodotto da Leo Fresco è a fuoco come mai prima di allora, e la band (in nuova formazione a cinque, e con Enri Colibrio alla batteria) inizia a macinare chilometri in giro per la penisola.
Siamo al 2007, di nuovo nella verde Umbria, e nasce Scimmie d'Amore, ancora pop mescolato a qualunque cosa passi loro per la mente, ancora una nuova divisa, (l'ormai noto look tshirt nera con muscoli gialli da scimmione) e ancora anni on the road, a supportare i video e i singoli "Le gite fuori porta", "Arpegginlove" e "30 anni che non ci vediamo". Dopo tutti questi live gli Amari decidono di assecondare la loro voglia di registrare qualcosa "tutti assieme" e con il nuovo chitarrista Enrico Berto, nel suo studio segreto nelle montagne del pordenonese, registrano Poweri (2009), il consistente numero di tracce in inglese, (e successivi remix) gli permettono di raggiungere l'airplay della BBC, e le playlist di dj internazionali come Erol Alkan. 2010, si cambia ancora! Dariella, Pasta e Cero (Il nucleo storico della band) torna a collaborare con Leo Fresco, di nuovo a Città di Castello ma nel suo nuovo Malkovich studio: dopo due anni di gestazione nasce Kilometri. Il nuovo album, anticipato dal singolo "Il tempo più importante" segna il ritorno alla lingua di dante e la riscoperta del pop con la P maiuscola.