Leggi la recensione

Descrizione

Il sogno di creare esseri artificiali può essere rintracciato fin dall'antichità. Cadmo seppellì dei denti di drago che si trasformarono in soldati. Pigmalione si innamorò di una statua che rappresentava una donna ideale: Galatea. Zarrus scolpì nel tufo le sembianze della sua prostituta prediletta Altea.
Nella mitologia classica, inoltre, il deforme dio del metallo (Vulcano o Efesto) creò dei servi meccanici, che andavano dalle intelligenti damigelle dorate a più utilitaristici tavoli a tre gambe che potevano spostarsi di loro volontà.
La leggenda ebraica ci parla del Golem, una statua di argilla, animata dalla magia cabalistica. Nell'estremo Nord canadese e nella Groenlandia occidentale, le leggende Inuit raccontano di Tupilaq (o Tupilak), che può essere creato da uno stregone per dare la caccia e uccidere un nemico. Usare un Tupilaq per questo scopo può essere un'arma a doppio taglio, in quanto una vittima abbastanza ferrata in stregoneria può fermare un Tupilaq e "riprogrammarlo" per cercare e distruggere il suo creatore.
Il termine androide è menzionato per la prima volta nel 1270 dal filosofo, teologo e scienziato Alberto Magno, che lo utilizzò per definire esseri viventi creati dall'uomo per via alchemica. Una leggenda vuole Alberto Magno costruttore di un vero e proprio androide in metallo, legno, cera, vetro, cuoio, con il dono della parola, che avrebbe dovuto svolgere la funzione di servitore presso il monastero domenicano di Colonia.
Nel XVI secolo i trattati di alchimia fornivano indicazioni per costruire un essere artificiale: l'homunculus.
Anche Gli Androidi Sanguinano producono musica artificiale.

Credits

Gustav Von Teufel - Eko Dream Box 12
Maria De Acetatis - Korg Synthe Bass
Ciano Hagstrom - Autoharp, Glokenspiel, Piano

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati