Tracklist

00:00
 
00:00

Descrizione a cura della band

Via direttissima 2 e 1/3 è scritto da Andrea De Luca nel 2013. E’ la prima esperienza solista dell’autore Bolognese e parla del suo rapporto con gli anni ’70: di bambini nei cortili l’Austerity, le Brigate Rosse, Dino Zoff, Mennea, Gasmann e Volontè, Foreman e Alì, quelle storie che di passaggio o in prima persona abbiamo vissuto tutti, in questa vita passata tra le dita… fino a quel rito di iniziazione che sancì il passaggio tra l’infanzia e l’età adulta… i Clash in piazza Maggiore nel 1980.
Tutti i pezzi di questo disco sono stati registrato in diretta in un paio di pomeriggi e due nottate nel garage di Max Messina a Ozzano e sono stati arrangiati da Antonello D’Urso, Vince Pastano e Max Messina (Liquido Records). “Initium” è registrato con L’lphone e “La figurina di pelè” ripresa “di sorpresa” durante una prova a casa di Antonello. Io ho cantato e suonato l’acustica e il piano, mentre le parti di basso sono state fatte da Mio fratello Enrico De luca e da Vince che ha anche suonato le chitarre, xilofono, Kalimba, oltre ad aver fatto i cori… Antonello ha registrato mixato e masterizzato l’album oltre che suonare l’acustica in “Grazie nonno”, Saverio Pasotti è alla slide in “Oggi esco e spacco il mondo!”. Max ha suonato batteria percussioni ha fatto i cori. Testi e musica li ho scritti in poche settimane, essendo storie e note che ho sempre avuto dentro di me. Vincenzo Pastano, ha scritto la musica de: “Il primo di noi che vede il mare”. Di Cristina De Maria è il progetto grafico, le foto e i video, suo il merito di avermi fatto credere che potesse funzionare un racconto musicato sugli anni ‘70. Sandro Monti è stato fondamentale per l’impaginazione grafica e ha creato questa splendida copertina.

Credits

Andrea De Luca proviene dall’esperienza Radiocity, band storica di Bologna. Negli anni ‘80 Scrive e incide col fratello Enrico: Correndo verso la libertà (sub cave) e Sobborghi (Ala bianca) album che raggiungono i primi posti nelle classifiche delle etichette indipendenti italiane. Il gruppo è rappresentante del rock “nostrano” alla biennale di Salonicco del 1986. I Radiocity aprono i concerti italiani di Green on Red, Wall of Voo Doo e Billy Bragg e sono il miglior gruppo live al City Square di Milano nel ’91. Andrea collabora con Massimo Bubola, Luca Orioli (GazNevada/Stadio) e partecipa agli Show televisivi Roxy Bar ed Help, ideati da Red Ronnie.
Nel 2003 Neuropa (LM Records) segna l’incontro con Vince Pastano (Carboni/Guido Elmi) e dello stesso periodo è la collaborazione con Fede Poggipollini (Ligabue) in veste di coautore di album come Caos Cosmico e di canzoni come Bologna e Piove che viene presentata a Top of the Pop. Del 2010 è l’esperienza Mama Grande. L’album Settembre e il sole presenta un soul-blues cantato in italiano. Al sax Valentino Bianchi (Quintorigo), percussioni di Fabrizio Luca (Capossela) chitarre di Saverio Pasotti (ex Windopen). La band partecipa a programmi televisivi come Dietro le quinte e Buongiorno regione (Rai 3). Dopo una breve collaborazione in veste di autore per Guido Elmi, Andrea arriva quest’anno alla conclusione del primo lavoro solista che uscirà in settembre col titolo Via direttissima 2 e 1/3, album che parla di ricordi degli anni ’70. Arrangiato da Vince Pastano, Antonello D’Urso e Max Messina.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati