Disco del giorno
album Beginners - Angus Mc Og
Leggi la recensione

Descrizione

“Beginners” è il terzo lavoro per Angus McOg, un album che prende il suo titolo in prestito da Raymond Carver e che forse a sua volta vuole essere un po’ una raccolta di racconti. Il disco arriva a ben cinque anni di distanza dal precedente “Arnaut” e il tempo trascorso ha visto Angus McOg sperimentare con le colonne sonore e le sonorizzazioni, aprire le date italiane di Thurston Moore nel suo “The best day tour” del 2014 e soprattutto ha visto l’ingresso nell’organico della band di Luca di Mira, dei Giardini di Mirò, con cui i nuovi brani sono stati scritti e arrangiati a quattro mani. Se con “Beginners” alla base rimane un songwriting in verità molto classico, d’altro canto i registri e la tavolozza dei colori si sono allargati verso spazi all’apparenza anche piuttosto distanti dall’alt folk, sin qui in larga misura il genere di riferimento di Angus McOg. Per quanto riguarda le liriche invece, sul comodino accanto al letto, durante la stesura dei brani, in particolare sono rimasti a lungo i poeti inglesi Tony Harrison e Simon Armitage, mentre passando attraverso Michael Stipe, perfino Patti Smith è stata un riferimento in più di un’occasione.

Credits

Prodotto da Luca Di Mira e Antonio Tavoni
Registrato tra gennaio e aprile 2018 a Bombanella Soundscapes (Maranello, Modena) da Davide Cristiani
Editing: Dino Gervasoni
Mix: Davide Cristiani
Mastering: Andrea De Bernardi, Eleven Mastering (Busto Arsizio, IT)
Parole e musica di Antonio Tavoni e Luca Di Mira

Angus McOg Band:
Antonio Tavoni: voce, chitarra, tastiere,
Luca Di Mira: basso, chitarre, tastiere, sound design
Nicola Bigi: batteria

Altri musicisti:
Gentjan Llukaci: violino su “Laika”, “Beginners” e “Chanting mime hands”.
Serena Patanella: violoncello su “Laika”
Vincenzo de Franco: violoncello su “Beginners” e “Chanting mime hands”
Enrico Pasini: Flicorno e duduk su “Turn the corner”
Enzo M. Ginexi: Vibrafono su “Chanting mime hands” (registrato al Duna Studio di Russi, Ravenna)
Ada Di Mira: Arpa su “Ulysses”

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati