Mathì - Ascolta e Testo Lyrics Sospiri di Vento

Brano

00:00
 
00:00

Testo della canzone

Quei rami d'argento sembrano accomodare
perle nervose nel loro luccicare
un attimo benigno rubato al tempo maligno
sviluppò:

bianche, soffici mani fatate che accolgono petali ridenti
candide, solitarie, inzuppate d'estro bollente

Così come per scambio solidale quelle dita
lasciarono lieve la presa
che maestosa si posò
su superficie argentea

e i petali carezzavano le perle danzando e sprigionando
umore violaceo che denso bussava, spesso penetrando di violenza

E non sospiri di vento, non intuizione divina
fu essenza di quell'atto

E nonostante l'immenso non avesse forma
tutto fu movimento e intreccio
corrispondenze rossastre, lente nel loro volare

e i petali carezzavano le perle danzando e sprigionando
umore violaceo che denso bussava, spesso penetrando di violenza

E non sospiri di vento, non intuizione divina
fu essenza di quell'atto

Fu così, seppur folle parvenza
che in quella notte luminosa io fui
io fui un petalo.

Album che contiene Sospiri di Vento

album Petali Ridenti - MathìPetali Ridenti
2010 - Cantautore, Elettronico, Post-Rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati