Se non c'è una nota sul copyright allora posso usare l'opera liberamente? Rubrica

CopyrightCopyright
13/06/2014

Per proporre le tue domande all'Avvocato Aliprandi, scrivi a aliprandi@rockit.it 
(leggi la descrizione della rubrica)
È ora disponibile il nuovo libro dell'Avvocato Aliprandi: si chiama "Pillole di diritto per creativi e musicisti", riassume alcune delle domande più importanti di questa rubrica e lo trovate qui.

 

#54 Se in un'opera non è indicato nulla sul copyright (come avviene spesso con i file che si trovano in Internet) vuol dire che è liberamente utilizzabile?

Assolutamente no! È un equivoco molto diffuso ma altrettanto pericoloso e infondato. Il diritto d'autore esiste anche in internet e funziona secondo le stesse logiche del mondo off-line. Tra queste spicca una regola che non attiene solo al diritto ma anche al buon senso: se un'opera non l'abbiamo realizzata noi allora l'ha realizzata qualcun altro; dunque questo “qualcun altro” avrà dei diritti d'autore, al di là del fatto che lui abbia scelto di diffondere la sua opera attraverso internet e che abbia provveduto a mettere nel sito chiare avvertenze per vietare l'utilizzo della propria opera. Dunque, a meno che si tratti di un'opera caduta nel pubblico dominio o rilasciata con una licenza libera o di un caso di “libera utilizzazione” (consentita dalla legge), è sempre buona norma contattare il titolare dei diritti e chiedere il permesso prima di utilizzare il contenuto. Poi, che internet renda la condivisione e il riutilizzo delle opere estremamente più facile, è tutt'altra questione; questione che però ha a che fare più con le scienze della comunicazione e la sociologia che con il diritto.
 

Licenza Creative Commons

Quest'opera di Simone Aliprandi / Copyright-Italia.it è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

Tag: avvocato

Vi raccomandiamo:

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Nessuno vuole suonare per Trump, lui ingaggia una cover band di Springsteen