Cosa rischio se vendo un cd della mia band senza bollino SIAE? Rubrica

Chiedlo all'avvocato: la rubrica di Rockit in cui l'avvocato Simone Aliprandi risponde a dubbi su diritti d'autore e dintorniChiedlo all'avvocato: la rubrica di Rockit in cui l'avvocato Simone Aliprandi risponde a dubbi su diritti d'autore e dintorni
13/02/2013

Per proporre le tue domande all'Avvocato Aliprandi, scrivi a aliprandi@rockit.it 
(leggi la descrizione della rubrica)

#4 -  Cosa rischio se vendo un cd della mia band senza bollino SIAE?

Ai sensi dell'art. 171 ter della legge 633/41 (ovvero la legge sul diritto d'autore), chiunque, a fini di lucro, detiene per la vendita o la distribuzione, pone in commercio, vende, noleggia, cede a qualsiasi titolo, proietta in pubblico, trasmette a mezzo di radio o televisione con qualsiasi procedimento, supporti contenenti fonogrammi o videogrammi di opere musicali, cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento, per i quali è obbligatoria l'apposizione del contrassegno (comunemente detto “bollino”) da parte della SIAE e lo fa utilizzando supporti privi di tale contrassegno o dotati di contrassegno contraffatto o alterato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 2.582,00 a 15.493,00 Euro se il fatto è commesso per uso non personale. Inoltre, lo stesso articolo, al comma 3, aggiunge che “la pena è diminuita se il fatto è di particolare tenuità”. Dunque, tre sono gli elementi che bisogna prendere in considerazione per comprendere la portata di queste sanzioni: il fine di lucro, l'uso non personale e la tenuità del fatto. E per una definizione di questi tre elementi fondamentali non si può far altro che guardare la giurisprudenza (ovvero i principi interpretativi derivanti dalle sentenze dei giudici).

Avv. Simone Aliprandi


Quest' opera di Simone Aliprandi / Copyright-Italia.it è concessa in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

Tag: siae diritto d'autore avvocato

Vi raccomandiamo:

Commenti (11)

Carica commenti più vecchi
  • ciccio formaggio 13/02/2013 ore 17:33 @ciccioformaggio

    grazie dario della spiegazione!

  • Simone Aliprandi 14/02/2013 ore 11:17 @simonealiprandi

    attenzione! il bollino SIAE non c'entra nulla con la gestione dei diritti d'autore delle opere contenute nel supporto. è più che altro un controllo relativo al supporto... infatti è il produttore fonografico a chiederlo non gli autori. di conseguenza il bollino va messo anche su cd contenenti opere in pubblico dominio, o addirittura anche su cd contenenti suoni della natura e canti degli uccelli (quelli usati per lo yoga, ad esempio).

  • Roberto Sonzogni 27/11/2014 ore 18:38 @roberto.sonzogni

    Ma già non si pagano le tasse alla SIAE su CD e masterizzatori quando si comprano ?
    Bisogna pagare anche quando li usiamo ?

  • Paco Maddalena 29/11/2014 ore 09:45 @me

    Scusate l'eventuale domanda già chiarita, ma nn mi è chiara una cosa: siamo una band, i brani sono scritti da noi, non siamo iscritti alla siae e vorremmo stampare un cd di otto pezzi per venderlo ai nostri concerti. Dobbiamo pagare lo stesso il bollino? Se si, solo quello da 0,07 giusto? Grazie mille per la risposta

  • Riccardo Gentile Lorusso 29/11/2014 ore 14:28 @tangerine14690

    Chiedo scusa e per quanto riguarda i Creative Commons i bollini che si applicano sia per i diritti d autore che per la divulgazione a scopo commerciale? Che validità hanno a confronto con i bollini siae ? Grazie.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

I Baustelle cantano Billy Idol nel nuovo spot di Gucci